Musictory Notizie Rai

Rai

  • Sanremo 2022, la Rai chiama Laura Pausini

    17
    Mar
    2021

    Si è appena chiuso il tormentato capitolo del Festival di Sanremo 2021 ma nonostante questo la Rai si è già attivata per cercare il nuovo conduttore o conduttrice, dato il ritiro di Amadeus.

    La prima ipotesi ricade su una persona già molto nota alla storia delle kermesse canora: la cantante Laura Pausini potrebbe essere la migliore candidata per il prossimo anno. Non è un gossip questo ma una certezza, dato che a raccontare le intenzioni della Rai è stata la stessa artista.

    “La Rai me l’ha già chiesto in passato – ha rivelato Laura Pausini -. Sinora non ho accettato perché non me la sento di affrontare uno spettacolo così imponente. Ma sicuramente non sarei in grado di affrontare la direzione artistica, perché io ho i miei preferiti, sono condizionabile, non sono capace di fare una selezione come si deve”.

    “Per il 2022 state tranquilli… ho da pensare al nuovo disco. Sinceramente non lo so. Finora non ho accettato perché non mi sento in grado di reggere una cosa del genere – ha aggiunto ancora la cantante -. Potrei farlo con Paola Cortellesi in un momento diverso da questo, nel caso in cui dovessimo avere tempo e voglia di divertirci”.

    Il festival condotto dalla Pausini, quindi, non sarà sicuramente quello del 2022 ma potrebbe essere uno dei successivi.

  • Ancora scontri sul Festival “Come convincere la rai a rimandare l’evento”

    24
    Feb
    2021

    Sanremo diventa zona rossa, non si potrà entrare in città durante la settimana del Festival di Sanremo. Una misura necessaria hanno spiegato per contrastare la formazione di assembramenti e mettere in atto misure di sicurezza per fermare l’avanzare della pandemia.

    I teatri sono chiusi, il mondo dello spettacolo è in ginocchio da un anno ormai ma la kermesse canora pur di continuare ha deciso di mettere in atto un protocollo di 75 pagine con regole rigidissime.

    Una decisione che ha fatto molto discutere nelle ultime settimane, tante polemiche contro i vertici della Rai e del programma si sono sollevate, senza però mai essere ascoltate.

    Ora a pochi giorni dall’inizio dell’evento, in programma dal 2 al 6 marzo, il del festival diventa una tematica politica.

    Quale altra calamità naturale deve arrivare per convincere definitivamente la Rai a rinviare il Festival di Sanremo?

    Ad attare Fabrizio Salini, amministrato delegato della Rai, è Giorgio Mulè, deputato di Forza Italia eletto a Sanremo e portavoce dei gruppi azzurri di Camera e Senato: questi chiede la sospensione immediata della kermesse.

    “Con Sanremo circondata dalla zona rossa causa Covid che Festival sarà? Chiedo da tempo insieme a Forza Italia di rinviare la manifestazione per rispetto alla città e di chi ne subirebbe l’umiliazione a cominciare dai commercianti. Ora che sarà istituita la zona rossa con la desertificazione totale di Sanremo potrà finalmente fare breccia un po’ di ragione? Me lo auguro ed è quello che tornerò chiedere all’amministratore delegato della Rai Fabrizio Salini”.

  • Il secondo Festival di Amadeus: la conferenza stampa

    09
    Feb
    2021

    Il Festival di Sanremo del 2021, nella sua 71esima edizione, è stato confermato dal 2 al 6 marzo. Rispettando tutte le nuove regole per la sicurezza, la kermesse canora avrà anche quest’anno il suo gran finale.

    Si è tenuta oggi dalle 11:30 a Sanremo la prima conferenza stampa del festival, presieduta dal conduttore Amadeus, dal direttore della Rai Stefano Coletta, a direttrice di Radio 2 Paola Marchesini e il sindaco della città Alberto Biancheri.

    E’ stato proprio quest’ultimo a sottolineare la difficoltà di organizzare un evento di così grande portata senza pubblico, senza turisti, senza tutta l’attenzione che ogni anno riempie la città, che rimarrà inevitabilmente bloccata durante il periodo del festival “Non è facile organizzare un Festival in queste condizioni. Grazie alla Rai e al comitato tecnico scientifico. Ieri ho avuto una riunione , stiamo lavorando per i protocolli sanitari fuori dall’Ariston, con il questore e la dirigenza Asl. Questo non vuol dire blindare una città. Abbiamo rinunciato a tutte le collaterali e questo comporterà dei problemi per le attività economiche”.

    Amadeus sarà con Fiorello. La parola è passata al conduttore che, nonostante l’ipotesi di abbandonare il suo ruolo avanzata nei giorni scorsi, fa luce su alcuni punti chiave di questa edizione.

    Raramente guardo una fotografia del passato, l’obiettivo è rendere il Festival che sta per arrivare un Festival unico nel suo genere. Io e Fiorello cercheremo un equilibrio, abbiamo il dovere di dare al pubblico cinque serate di serenità, con la speranza che sia un Festival di una piccola rinascita. Io son o sicuro: si stanno facendo tante vaccinazioni per debellare il virus, e da marzo in poi uno spiraglio possiamo vederlo. Si è detto a volte che era troppo show televisivo, pur apprezzando l’anno scorso il palco all’esterno che ha dato tanto. La nave, che per me era una buona idea, non ci sarà e si torna dentro l’Ariston. Le tre rete sono importantissime, la radio, la stampa e i cantanti sono fondamentali, diventa un momento di unione in questo Sanremo difficile. La musica non si ferma mai”

    Prosegue poi parlando del suo compagno di viaggioFiorello è mio amico da trentacinque anni, per me non può esistere un Festival di Sanremo senza di lui perchè lui illumina tutto ciò che ha intorno, tutti gli vogliono bene. Avremo due figure artistiche che saranno con noi tutte  e cinque le sere: Achille Lauro, che sta preparando cinque quadri, e Ibrahimovic, che è un personaggio del calcio strepitoso, da scoprire, è tante cose“.

  • La Rai ha deciso. Sanremo senza pubblico, senza eventi e con idee compatibili alla situazione

    01
    Feb
    2021

    La Rai ha deciso come sarà il Festival di Sanremo di quest’anno. In una nota diffusa dall’ufficio stampa sono stati annunciati i “punti chiave” di questa strana edizione. Ora si attende la risposta del CTS che arriverà la prossima settimana.

    Il Festival di Sanremo non verrà cancellato ma avrà luogo, come stabilito dal 2 al 6 marzo, con tutti i concorrenti in gara ma senza pubblico, argomento che nelle ultime settimane ha fatto molto discutere.

    Probabilmente una decisione che non sarà stata apprezzata da qualcuno, tipo lo stesso conduttore che inizialmente aveva proposto “soluzioni di ogni tipo” per avere qualcuno seduto in platea all’Ariston.

    Ma alla fine gli attacchi del Codacons e le dichiaraione del Comitato tecnico Scientifico, oltre alle infinite polemiche che si sono sollevate in rete, hanno portato la Rai a trovare un compromesso pur di portare a casa questa edizione.

    “La Rai, al termine di una riunione con il Direttore Artistico in cui sono stati esaminati in dettaglio i vari scenari, ritiene che la 71a edizione del Festival di Sanremo, prevista dal 2 al 6 marzo, debba concentrarsi esclusivamente sull’evento serale al Teatro Ariston. Per tale motivo domani l’azienda presenterà al Cts il protocollo organizzativo-sanitario che non prevede la presenza del pubblico al Teatro Ariston. La Rai ha dato pertanto indicazioni al direttore artistico per lavorare su idee creative compatibili con questa impostazione”.

    Il festival non sarà solo senza pubblico, ma senza nemmeno tutti gli eventi ad esso collegati.

    “Non sono previsti eventi esterni e la presenza a Sanremo di programmi collegati al Festival, che negli ultimi anni hanno animato la rassegna canora. Con tale impostazione la Rai intende produrre il massimo sforzo per realizzare un Festival in sicurezza e portare lo show ai suoi telespettatori nel rispetto del mondo della musica e della storia del Festival“.

  • Pino Daniele “suona” la sigla del Commissario Ricciardi

    26
    Gen
    2021

    Torna Pino Daniele e torna la sua musica, grazie alla nuova serie tv della Rai. Il Commissario Ricciardi ha scelto la musica del grande cantautore partenopeo come colonna sonora.

    La canzone che apre e chiude ognuno dei sei episodi de Il commissario Ricciardi è Maggio se ne va di Pino Daniele. Il brano, incluso nel disco Bella ‘mbriana del 1982, ha un testo incredibilmente simbolico che mischia la fede, l’amore e la fame.

    Il Commissario Ricciardi è la serie tv di Rai1 tratta dalla popolare saga di romanzi di Maurizio De Giovanni con Lino Guanciale nei panni dell’introverso e iconico personaggio.

    Maggio se ne va è una canzone del 1982, ultima traccia del Lato B del disco Bella ‘mbriana; l’album prende nome dalla bella ‘mbriana, spirito casalingo facente parte dell’immaginario popolare napoletano; ciò testimonia l’avvicinamento del cantante ad un tipo di musica più tradizionale, in un certo senso etnico in anticipo sulla world music che verrà consacrata pochi anni dopo l’uscita di questo disco.

  • Codacons contro figuranti per Sanremo “Spreco di soldi pubblici”

    26
    Gen
    2021

    Non si placano le proteste contro questo Festival Di Sanremo, ad ogni “trovata” della Rai c’è il Codacons che replica duramente. E ora nel mirino è finita (inevitabilmente) la questione dei figuranti.

    Il Codacons in seguito a questa ultima invenzione della rete ammiraglia, fatta per non lasciare senza pubblico il festival, ha presentato un esposto alla Corte dei Conti.

    “L’idea di arruolare figuranti per riempire il teatro Ariston è una follia, che potrebbe avere ripercussioni negative su più fronti, dalle casse della Rai fino alla logistica e alla sicurezza – spiega il presidente Carlo Rienzi – Un escamotage che creerebbe disparità di trattamento rispetto a tutti gli altri teatri italiani, rimasti senza pubblico a causa delle misure anti-Covid, e che rappresenterebbe uno spreco di risorse pubbliche su cui chiamiamo oggi a pronunciarsi la Corte dei Conti”.

    I figuranti “sarebbero infatti a tutti gli effetti lavoratori e dovrebbero essere pagati dalla Rai, senza tuttavia portare maggiori incassi sul fronte pubblicitario -è l’opinione del Codacons- C’è poi la questione logistica: dove alloggeranno i figuranti? E dove mangeranno? Con quali rischi sul fronte di assembramenti e contagi?”.

    Una decisione, quella della Rai “del tutto scriteriata, che non risponde ad esigenze specifiche di bilancio e non apporterà alcun valore aggiunto, incrementando solo i costi per l’azienda, i rischi di contagio e i problemi organizzativi di un Festival che, oggi più che mai, deve essere rinviato ad altra data. Non solo. Qualora si registrassero focolai di coronavirus legati all’evento, l’azienda potrebbe essere chiamata a rispondere di concorso in epidemia colposa”, conclude Rienzi.

  • “Cercasi Coppie di conviventi per il pubblico di Sanremo”

    26
    Gen
    2021

    Il Festival di Sanremo cerca normalità. La rai e la direzione dell’evento lanciano uno strano appello in rete: si cercano coppie di conviventi per riempire la platea del Teatro Ariston dal 2 al 6 marzo.

    Tra le tante polemiche per la presenza del pubblico durante la kermesse, arriva la decisione. Per la 71/ma edizione del Festival di Sanremo, la Rai sta reclutando, con carattere di urgenza, coppie di figuranti conviventi (claqueur) per le cinque serate in diretta dal Teatro Ariston.

    Nell’avviso circolato si segnala che l’impegno è previsto dal 2 al 6 marzo 2021E’ fondamentale avere il requisito di convivente che permetterà di occupare due poltrone ravvicinate, distanziate dalle altre almeno di un metro, per evitare l’effetto ‘monade’. Sarà richiesta un’autodichiarazione di convivenza e inoltre sarà richiesto un tampone (rimborsato da Rai) nei giorni precedenti la prima convocazione”.

    Per la candidatura “Per chi fosse realmente disponibile e interessato si prega di inviare una mail a ufficiofigurantisanremo@rai.it con nome, cognome, numero di telefono, allegando una vostra foto recente in primo piano, frontale e senza occhiali da sole. Vi chiediamo gentilmente di ampliare anche a Vostri conoscenti questa proposta lavorativa, sempre nel rispetto dei criteri sopracitati”.

  • Sanremo, ultimatum di Amadeus “O lavoriamo insieme, o niente festival”

    23
    Gen
    2021

    Le polemiche sul prossimo Festival di Sanremo non sembrano arrestarsi. Contro la Rai e contro il conduttore della kermesse canora italiana si sono mossi in tantissimi, Codacons fra gli ultimi che hanno chiesto regole sempre più rigide.

    Il Festival e il Covid quest’anno non sembrano darsi tregua l’un l’altro. Questo è il motivo per cui il conduttore Amadeus ha deciso di prendere parola e dare il suo ULTIMATUM sulla questione.

    Il Festival del 2021 ci sarà?

    “Chiarisco una cosa: non vorrei che sembrasse che mi sono intestardito a fare Sanremo a tutti i costi. Lo deve volere la Rai, la discografia e la città di Sanremo. Lo dobbiamo volere tutti: o siamo compatti e lavoriamo per farlo al meglio oppure ci rivediamo nel 2022″.

    Queste le parole del conduttore Rai alla stampa, che sempre per mettere a tacere la rete ha aggiunto “La Rai è compatta, ma il fronte deve essere unito anche nei confronti di tutte le polemiche, sennò sembra il classico armiamoci e partite.”.

    Quanto alla sicurezza sanitaria del festival, al momento fissato dal 2 al 6 marzo, aggiunge “Io sono sempre stato chiaro: o Sanremo si fa in sicurezza – perché la salute viene al primo posto – oppure non si fa. Abbiamo l’esempio di Sanremo Giovani: è stato fatto in un teatro piccolo, con tanti cantanti e tecnici che si sono avvicendati sul palco. È andato tutto bene: non abbiamo avuto mezzo problema. Se il protocollo sanitario è preciso le cose si possono fare. Con Sanremo Giovani la Rai lo ha dimostrato”.

  • La Rai lavora per portare il pubblico all’Ariston “Colonna portante del Festival”

    19
    Gen
    2021

    Non c’è Festival di Sanremo senza pubblico. Dopo aver confermato le date del Festival di Sanremo, dal 2 al 6 marzo, i vertici della Rai sono al lavoro per studiare le modalità con cui il pubblico dovrà prendere parte all’evento, assolutamente in presenza.

    L ‘ipotesi più accreditata è quella già ventilata nei giorni scorsi di un pubblico costituito da operatori sanitari (medici e infermieri) già vaccinati e diversi ogni sera. Al duplice scopo di ringraziare chi ha lavorato e lavora in prima linea a rischio quotidiano della vita durante la pandemia e di abbattere il rischio contagi. Si prevede una rotazione quotidiana tra operatori provenienti da diverse zone della Liguria in modo che questi possano rientrare a lavoro o a casa in tempi brevi.

    Ma non c’è solo il pubblico in sala, altro punto fondamentale attualmente ai tavoli della dirigenza quello delle presenze in sala stampa.

    Sul questo fronte lo sforzo in atto è quello di cercare di garantire la realizzazione delle conferenze stampa a Sanremo ma nel rispetto del distanziamento e delle altre norme anti-contagio. L’ipotesi a cui si starebbe lavorando è di una presenza molto ridotta di cronisti: si parla di un numero sotto il centinaio. Molto lontano dagli oltre mille della tradizione, tra stampa, radio e tv. –

  • UFFICIALE: Il Festival di Sanremo 2021 si farà dal 2 al 6 marzo

    19
    Gen
    2021

    Sanremo va avanti. La Rai conferma che il Festival si svolgerà, come annunciato, dal 2 al 6 marzo e lavora per la presenza del pubblico all’Ariston.

    Sembra tramontare, però, l’ipotesi di una nave come ‘bolla’ per accogliere gli spettatori da portare poi in teatro ogni sera, mentre per la sala stampa l’orientamento sarebbe quello di una drastica riduzione del plotone degli accreditati: tutti nodi che saranno sciolti all’interno di un apposito protocollo, al quale lavora l’azienda, da sottoporre alle autorità competenti.

    Il “festival della rinascita”, come Amadeus lo ha definito a più riprese, deve infatti fare i conti con la seconda ondata della pandemia e con le restrizioni anti Covid del nuovo Dpcm, valide fino al 5 marzo, nel pieno della settimana sanremese.

    Non a caso tra i temi della riunione di vertice alla quale hanno partecipato oggi l’organizzazione, lo stesso direttore e conduttore artistico e l’ad di Viale Mazzini Fabrizio Salini, c’è il protocollo sanitario e organizzativo che dovrà essere validato. Per domani, a quanto si apprende, sono previsti sopralluoghi in città per la definizione degli spazi compatibili con le norme anti contagio e una riunione con la questura per valutare tutti gli aspetti relativi alla sicurezza.

    Non si esclude che almeno una parte del pubblico possa essere rappresentata dagli operatori sanitari, già vaccinati, anche in segno di omaggio a chi in questi mesi drammatici è stato in prima linea nella battaglia contro il virus. Quanto alla presenza dei giornalisti, potrebbero essere tra 70 e 80 gli accreditati, in rappresentanza dei diversi media, selezionati in base a criteri in via di definizione.

    Ad esprimere preoccupazioni sull’organizzazione del festival, sono stati oggi i discografici, nelle parole del ceo di Fimi Enzo Mazza, che ha suggerito la realizzazione di “un evento sostanzialmente televisivo, limitato alla pura esibizione degli artisti e senza altre attività collaterali che possono fare esplodere i contagi, e con un protocollo concordato con il Comitato tecnico scientifico e trasmesso a tutti gli operatori”.


    “Finora – ha argomentato Mazza – si è parlato soprattutto del contorno, delle preoccupazioni per ristoranti, commercianti, per il palco in piazza Colombo. Oppure si è parlato del pubblico e della nave come ipotesi per garantirne la sicurezza o dell’organizzazione della sala stampa. Ma il festival è fatto di tanti elementi, a partire dagli artisti in gara che dagli hotel devono essere portati all’Ariston per le prove e per le esibizioni, con regole molto precise per ridurre al minimo i rischi. Per quanto riguarda ciò che accade all’esterno, le regole ci sono e sono quelle previste dal nuovo decreto: se i concerti non si possono tenere, se i ristoranti sono chiusi, non capisco di che cosa stiamo parlando. Quelle disposizioni valgono per tutta Italia e quindi anche per Sanremo”. Per l’industria musicale, l’importante è anche fare presto: “Servono regole precise perché tutto va organizzato, a partire dalle uscite dei dischi”.

Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più
Musictory utilizza YouTube API Services. Per info clicca qui