Maneskin, no alla cocaina “Siamo stati troppo bravi e perciò volevano screditarci”

Maneskin, no alla cocaina “Siamo stati troppo bravi e perciò volevano screditarci”

14
Giu
2021
Pubblicato da:

Non facciamo uso di droghe. E’ questo il messaggio che Damaino e compagni lasciano nuovamente alla stampa. I Maneskin sono stati raggiunti dai microfoni del The Guardian e spiegano il motivo per cui il pubblico estero li ha pesantemente attaccati.

“Penso che, se qualcuno non è particolarmente bravo, non c’è motivo di criticarlo” […] “Quindi questa storia mi è suonata come: ‘Oh, i Maneskin sono troppo bravi, dobbiamo dire che stanno sniffando…’. So che non è bello essere così autocelebrativi, ma la verità è che ci siamo esibiti molto bene e avevano bisogno di screditarci”.

In particolare sul personaggio di Damiano, il più inizialmente discusso della band dopo l’Eurovision Song Contest e quel movimento frainteso dalla stampa, i colleghi affermano che siano uno sfigato.

“Damiano beve birra a malapena” afferma Vittoria, a cui fa eco Thomas “Sì, Damiano è proprio uno sfigato, un cretino: va a letto alle 23 con la sua camomilla”.

Il successo con Zitti e buoni è stata una magia. Il brano in realtà non è recente, è stato composto dalla band qualche anno fa ma ai tempi non aveva quel carattere in più che li ha convinti a pubblicarlo.

“È una nostra vecchia canzone, uno dei nostri primi brani in italiano. Era completamente diversa: era una ballata acustica voce e chitarra, ma non eravamo riusciti a trovare un ritornello convincente”. Poi, dopo qualche anno, lo hanno riproposto, grazie ad un riff composto da Thomas Raggi. “Psssh! La magia è avvenuta”.