J-Ax e Marco Baruffaldi, duetto a Tu Si Que Vales “Nessuno guarisce ferendo”

26
Nov
2018
Pubblicato da:

Maria De Filippi glielo aveva chiesto “Ti piacerebbe duettare con J-Ax? E’ un mio amico glielo posso chiedere” e Marco Baruffaldi, nella scorsa puntata di Tu Si Que Vales, aveva risposto Si.

Il sogno del giovane ragazzo affetto da sindrome di Down, arrivato al programma di Canale 5 per raccontare la sua storia sotto forma di musica rap, si è avverato. Il ragazzo, orfano di madre, ha duettato con il suo idolo e per loro non c’è stata solo la standing ovation dal pubblico, ma dal piccolo schermo ne è uscito anche un grande messaggio di denuncia e speranza contro il bullismo.

J-Ax ha cantante con Marco e insieme hanno voluto mostrarsi come un esempio per combattere la violenza ai danni dei più deboli che sempre più continua a svilupparsi ovunque, dalle scuole alle famiglie ecc.

La loro performance ha registrato come prevedibili il picco di ascolti della serata e il giorno dopo sui social è arrivata la dedicata dell’artista al suo giovane amico.

“Dietro il mio sorriso la mia sicurezza e i tatuaggi c’è ancora quel bambino che a scuola prendeva calci. Sono cose che ti porti addosso finché schiatti
per questo questi applausi 
ora fanno lo stesso suono degli schiaffi. Ho imparato a usare le parole come armi e che il forte sa difendersi ma è più forte chi difende gli altri. L’odio è moda in strada in parlamento, chi vede marcio ovunque è marcio dentro: Nessuno guarisce ferendo.
Chi giudica non capisce che chi capisce non giudica nessuno, noi siamo fuoco, un bullo è solo fumo.
Buttare acqua sulla mia non nutre la tua fiamma, uccidi la mia forma ma il mio sogno non si ammazza.
Il paese parla dalla pancia, gli scemi nascono dalla paura e la paura dall’ignoranza. La maggioranza pensa in bianco e nero, noi siamo fuori. Siamo diversi, come i colori.

Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più
Musictory utilizza YouTube API Services. Per info clicca qui