“Ero alcolista, volevo morire” La confessione e il dolore di Tiziano Ferro

15
Ott
2020
Pubblicato da:

Tiziano Ferro come nessuno lo aveva mai visto. Nel docu-film sulla sua vita l’artista racconta per la prima volta alcuni momenti difficili e dolorosi del suo passato.

Un’esperienza che Tiziano ha voluto fissare nel film-documentario Ferro, una produzione originale Amazon disponibile su Prime Video dal 6 novembre (lo stesso giorno esce anche «Accetto miracoli: l’esperienza degli altri», il suo primo album di cover).

“Ero un alcolista e volevo morire” ha confessato “Una sera la band mi convinse a bere. E da lì non mi sono fermato più. Bevevo quasi sempre da solo, l’alcol mi dava la forza di non pensare al dolore e alla tristezza, ma mi portava a voler morire sempre più spesso. Ho perso occasioni e amici. Io ero un alcolista! l’alcolismo ti guarda appassire in solitudine, mentre sorridi di fronte a tutti”. 

Il suo racconto si fa a tratti duro accennando anche ad altri problemi: “Alcolista, bulimico, gay, depresso, famoso. Pure questo, famoso, mi sembrava un difetto, forse il peggiore”.

“Vivevo perennemente frustrato, incazzato e anche umiliato – conclude –  Poi ho cantato per la prima volta e il mondo è cambiato. La musica era l’unica cosa che avevo, un canale per esprimermi in un mondo nel quale non mi riconoscevo”.

Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più
Musictory utilizza YouTube API Services. Per info clicca qui