Amici17, gli “insulti” di Riki ai prossimi concorrenti

03
Apr
2018
Pubblicato da:

La formazione delle nuove squadre di Amici, il talent che inizierà la sua nuova edizione del serale da sabato 7 aprile, è stata “tormentata”: tra i giovani aspiranti artisti disappunti e dispiaceri per le divisioni in vista della gara.

Come è già accaduto anche nelle edizioni passate, alcune coppie sono state divise, lui da una parte e lei dell’altra e così inevitabilmente alcuni di loro hanno dato libero sfogo alle lacrime in diretta TV. Le debolezze amplificate dalla presenza delle telecamere, sono state pesantemente criticate dal vincitore della passata edizione: Riki contro i giovani si è espresso duramente, attraverso un post pubblicato su Instagram e cancellato alcuni minuti dopo.

Nonostante il poco tempo di permanenza in rete, le sue parole sono state lette da migliaia di utenti e il messaggio ha iniziato a circolare.

“Vergogna a tutti i ragazzi presi per il serale che piangevano perché non erano in squadra con il proprio amico o fidanzato. Pensate a chi non ce l’ha fatta e non ce la farà mai e pensate a farvi il culo per emergere. Siete lì per cantare e ballare teste di ca**o”. Questo il post incriminato che ha suscitato nei confronti del giovane cantante tantissime critiche.

La reazione della rete, in parte negativa, ha “costretto” Riccardo Marcuzzo a delle scuse pubbliche, questa volta pubblicate “a tempo” in una storia su Instagram “Scusate per il mio sfogo, almeno mi han detto che devo dire così, ma io sono convinto di quello che ho scritto. Ho visto una sola puntata di Amici quest’anno, perché se vedete il mio calendario ero sempre in tour. Però è sempre il solito discorso: ci sono tantissime persone che vorrebbero essere lì, tu ci sei e ti metti a piangere perché l’amico o il fidanzato è dall’altra parte? Raga, questo fa incazzare

Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più
Musictory utilizza YouTube API Services. Per info clicca qui