Leonardo.it

Giulia Pelagatti contro Riccardo Marcuzzo “Ti sei montato la testa”

19
Giu
2017
Pubblicato da:

Si placa il gossip attorno alla presunta love story nata tra i “banchi” della scuola di Amici16, tra il vincitore della categoria canto Riccardo Marcuzzo e la ballerina Giulia Pelagatti.

La ballerina faceva parte della scuola di Amici ma è stata eliminata prima di accedere alla fase del serale, dove invece Riki ha partecipato fino all’ultima puntata classificandosi secondo dopo Andreas Muller, ballerino che ha portato a casa la vittoria. La ballerina, attorno alla quale ha ruotato per parecchio tempo il gossip su una presunta storia d’amore tra lei e Riki, oggi scrive una lunga lettera al settimana Di Più dove chiarisce tutto.

Vorrei dimenticarti ma proprio non ci riesco […] Voglio metterti alla prova e capire se mi posso aspettare ancora qualcosa da te: di rivederti, di riabbracciarti, di tornare almeno per l’ultima volta a sentire il sapore delle tue labbra” queste sono le prime parole presenti nella lunga lettera che conferma che tra i due ci sia stato del tenero, una lettera che soprattutto vuole allontanare le critiche di tutti coloro che pensano che il suo interesse sia in funzione solo della vittoria del giovane “E Dio solo sa quanto mi manchino i tuoi baci, il loro sapore, i brividi che mi dava guardarti occhi negli occhi in attesa che il tuo viso si avvicinasse e io potessi sentirne l’odore, il calore, la sensazione bella della tua pelle sulla mia”.

Mi sento sola e mi manchi, accetterei di stare in disparte, di essere invisibile al mondo per riaverti” conclude così la Pelagatti, senza però risparmiarsi la possibilità di togliersi qualche sassolino dalla scarpa; la ragazza accusa il cantante di essersi montato la testa per tutto il successo accumulato durante le puntate dei serali “La sera della finale ti ho inviato un messaggio di complimenti, mi aspettavo una telefonata, il giorno dopo ho ricevuto soltanto un magrissimo ‘grazie’, non sei più tu, ti sei montato la testa, anche se non mi piace dirlo, eri dolce, sei diventato di marmo”.

Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più