Morgan, a The Voice racconta commosso la sua vita “Mio padre si è suicidato”

Morgan, a The Voice racconta commosso la sua vita “Mio padre si è suicidato”

23
Mag
2019
Pubblicato da:

Le lezioni di canto iniziano a The Voice of Italy, Morgan e Gigi D’Alessio hanno le squadre al completo e così iniziano il percorso lavorativo con i giovani aspiranti artisti, creando con loro anche dei forti legami personali.

E’ il caso di Morgan, che con i suoi allievi alla prima lezione si lascia andare a qualche racconto personale. L’artista infatti parla del padre, morto suicida quando lui era piccolo, e del grande messaggio che gli ha lasciato prima di andarsene. Tra le parole ovviamente si fanno spazio anche la lacrime, Morgan si commuove e con lui anche i presenti.

“Questo teatro [teatro Antonio Belloni di Barlassina in Brianza] è stato costruito da un signore della Brianza che faceva il mobiliere, come mio padre. Lui faceva il mobiliere. Io quando avevo nove-otto anni andavo nella sua ditta. – racconta l’artista – Lui stava fallendo, non c’era nessuno, il deserto. Proprio lì davanti alla ditta di mobili c’era un negozio di sintetizzatori, allora io andavo lì e mi sembravano astronavi. Mi viene da piangere a pensarci perché poi mio padre ha fallito completamente, è andato alla deriva. Io volevo un sintetizzatore però non avevo i soldi per comprarmelo”.

Come tutti, anche Morgan ha il suo momento di inizio, il momento in cui ha capito che la musica sarebbe stata la sua vita e proprio qui c’è l’intervento, l’ultimo, del padre “Mi ricorderò sempre, negli ultimi giorni, mio papà aveva sempre questo fogliettino perché si era informato quanto costava la batteria elettronica: 400mila lire. Lui non aveva neanche 100 lire. Però a suo figlio ci pensava. Infatti una delle ultime cose che mi ha detto è stato: ‘Promettimi che tu dovrai continuare a suonare la musica classica perché quello ti farà diventare qualcuno’”.

Alla fine del suo breve discorso, tra la commozione generale, il coach si è messo al pianoforte per dedicare un brano alla sua squadra.