Biografia Negrita

1992: i Negrita raggiungono la loro formazione definitiva, realizzano due demo-tape ed iniziano a frequentare il circuito dei club di tutta Italia, presentandosi subito al pubblico come una rock-band di grande impatto ed energia.

1993: l'anno si apre con la realizzazione di un terzo demo-tape, parallelamente alla prosecuzione dell'attività concertistica.

1994: l'anno dell'esordio discografico: "NEGRITA" (Mercury/Black Out) rivela immediatamente linee chitarristiche molto ricche e vibranti, una sezione ritmica inossidabile e carica di funk, testi dalle metriche nervose e dai messaggi penetranti.

L'album desta immediatamente un grande interesse da parte di pubblico e critica, grazie sia al notevole successo radiofonico del brano ‘Cambio’, sia ad un capillare tour che porta i NEGRITA letteralmente in ogni angolo della penisola e impone definitivamente la band come una delle più vivide realtà live del rock italiano.

Sempre nel 1994 la band arrangia ed esegue con Ligabue il brano ‘L'han detto anche gli Stones’, pubblicato su ‘A Che Ora la Fine del Mondo’ dello stesso Ligabue.

1995: esce "PARADISI PER ILLUSI", che rappresenta un progetto particolare per i Negrita: questo mini album fotografa infatti un momento particolare della loro carriera, una fase di transizione durante la quale i Negrita cercano di dare alla loro musica nuovi impulsi ma soprattutto nuovi sviluppi, nuove linee artistiche. Maggiore spessore sia alle musiche che ai testi caratterizzano questo lavoro che conferma ulteriormente la già ben solida fama di grande rock band, nonché di live band di enorme impatto. Il tour che segue alla pubblicazione di ‘Paradisi Per Illusi’ è ovviamente lunghissimo e di grande successo e percorre tutta l'Italia, non disdegnando alcune puntate all'estero: i Negrita suonano in Francia, Svizzera e Belgio.

Ad Istanbul, Turchia, i NEGRITA rappresentano l'Italia al ‘Festival Del Rock Europeo’.

1996: inizia la lavorazione di un nuovo album, concepito in una casa colonica in toscana, ma realizzato durante l'estate a New Orleans, U.S.A., presso il Kingsway Studio di Daniel Lanois (il disco sarà poi missato e masterizzato a Los Angeles).

1997:"XXX" il titolo del successivo nuovo album dei NEGRITA, che segna una tappa importante nella loro carriera, una decisa maturazione nello stile musicale e nei messaggi che riporta la band aretina alle proprie radici e al tempo stesso ad una purezza melodica che pochi in Italia (specialmente nel panorama rock) possono vantare. L'album, che contiene alcuni brani poi divenuti veri e propri cavalli di battaglia del gruppo ("Sex", "A modo mio", "Ho imparato a sognare"), raggiungerà le sessantamila copie vendute, grazie anche alla consueta fortunata tourne. L'ultimo singolo tratto da "XXX", "Ho imparato a sognare", verrà inserito da Aldo, Giovanni e Giacomo nella colonna sonora del loro film d'esordio "Tre uomini e una gamba"


1998: Prosegue la collaborazione con Aldo, Giovanni e Giacomo: i NEGRITA realizzano questa volta l'intera colonna sonora del film "Cosi è la vita" e lavorano al nuovo album (il quarto della carriera), intitolato "RESET".

1999: il 28 gennaio esce RESET. Oltre a "Mama Maè", brano già lanciato dal film "Così è la vita" e premiato da un massiccio airplay radiofonico, dall'album verranno estratti altri 2 singoli, "Hollywood" e "In ogni atomo". Un tour capillare di una sessantina di date consente al gruppo di presentare le nuove canzoni in giro per l'Italia RESET schizza direttamente al 3° posto della classifica degli album più venduti, oltrepassa le centomila copie (DISCO DI PLATINO), diventando il loro best-seller di sempre. Il tour si chiude ufficialmente il 19 settembre, ma ci sarà ancora tempo per un'ultima data, la notte di Capodanno.

Intanto, il 26 novembre il singolo "Hollywood" viene pubblicato in una confezione speciale, accompagnato da tre estratti live del "Reset tour": "Sex", "Transalcolico" e "Ho imparato a sognare". Alla vigilia dell'uscita del singolo arriva anche la nomination all'EUROPEAN MTV AWARDS, come miglior artista italiano.

2000: L'anno inizia alla grande per i Negrita: a febbraio, in occasione della 5a edizione del Premio Italiano della Musica (PIM), ottengono nomination in tutte le categorie (miglior canzone ‘Mama Maè’; miglior disco ‘RESET’; rivelazione dell'anno; tour dell'anno ‘RESET Tour’; video dell'anno ‘In Ogni Atomo’).

Mentre iniziano a lavorare al nuovo materiale, meditano già di tornare in sala di registrazione: nel frattempo, i Negrita chiudono l'edizione 2000 di Arezzo Wave, il 9 luglio, con un'esibizione molto particolare, intitolata "Live in Alcatraz", che li vede realizzare uno show ricco di proiezioni in collaborazione con gli autori del programma radiofonico/televisivo "Alcatraz" di Diego Cugia e nella stessa occasione vengono scelti come testimonial della campagna Sdebitarsi/Jubilee 2000 per la cancellazione del debito.

L'inaugurazione ufficiale dell'entrata in studio - l'Hollywood Garage di Capolona (AR) - il 22 maggio 2000, a notte fonda.

2001: le registrazioni dell'album si protraggono per tutta la primavera, mentre in estate arriva il tempo per i missaggi delle nuove canzoni. L'album RADIO ZOMBIE, preceduto dalla pubblicazione del primo singolo, "Bambole", esce il 19 ottobre 2001 e viene presentato alla stampa con un concerto-showcase al Rolling Stone di Milano.

2002: l'album RADIO ZOMBIE frutta altri due singoli di grande successo, "Non ci guarderemo indietro mai" e "Vertigine", entrambi sostenuti da due videoclip molto suggestivi. La band porta RADIO ZOMBIE in tour per tutto il 2002, collezionando oltre 200.000 presenze, mentre alla fine dell'anno torna a lavorare in studio su nuovi brani.

2003: si confermano espressione musicale alternativa al Festival di Sanremo 2003 con il brano "Tonight".

Il passaggio sanremese è anche l'occasione per presentare "EHI! NEGRITA", il meglio del loro repertorio in 19 brani, arricchito da tre inediti e disponibile anche in un'edizione a tiratura limitata con allegato un DVD di 37 minuti contenente brani live, videoclip e indiscrezioni dal backstage, estratto dalla versione integrale intitolata "Viaggio stereo" (110 min., in uscita ad aprile) e contenente, tra l'altro, un concerto della band e il videoclip del singolo "My Way".

La band è in tour da aprile fino a gennaio 2004 e, nel momento di maggior successo, decide di portare il proprio show in spazi alternativi (nei centri sociali di Milano e Roma) e al prezzo contenuto di 5 euro.

L'anno appena trascorso si rivela x i Negrita ricco di grandi soddisfazioni e successi:

l'album, ha ottenuto il DISCO D'ORO: oltre 60.000 copie vendute!

L'hit single Magnolia, dopo mesi di top twenty, ha raggiunto in settembre la Top Ten dei pezzi più trasmessi in radio, mentre il relativo ‘videoclip’ salito all'ottavo posto nella classifica di MTV "Day Time" e al secondo posto assoluto tra quelli italiani.

Infine ancora riconoscimenti, le nominations come miglior artista italiano all‘MTV Europe Music Awards’ e agli IMA, gli Italian Music Awards!

Partiti dal circuito rock italiano all'inizio degli anni '90, i Negrita approdano alla ribalta del Festival dopo un "viaggio stereo" - come amano definirlo loro - durato più di 10 anni, nel corso dei quali il gruppo ha riscritto le regole del rock in italiano, portandolo al punto di contatto più vicino con le grandi realtà internazionali, e mescolandolo alle tentazioni elettroniche che proprio sulla scena estera andavano lentamente affermandosi. La musica dei Negrita tiene conto della lezione dei grandi gruppi che hanno fatto la storia del rock, ma guarda con curiosità alla musica che è specchio dei tempi, alla contaminazione del rock con l'elettronica- e con la dance - così come proposta e interpretata oggi.

Il 2003 segnato da un altro evento importante: Zama, lo storico batterista, lascia il gruppo per stare vicino alla famiglia e seguirne gli interessi. Una rinuncia sofferta da parte di tutti. Andrà a sostituirlo, per il tour già iniziato, Paolo "El Niño" Valli.

2004: terminato il tour in Sudamerica, tenuto nel mese di Aprile, il gruppo sta già lavorando al nuovo album.

2005: il 28 gennaio esce nei negozi "L'UOMO SOGNA DI VOLARE", il nuovo lavoro dei Negrita, risultato di un progetto/viaggio fisico e dell'anima nato per caso da una mini tourne sud americana e condiviso da tutti i componenti del gruppo, da un regista, un fotografo e ovviamente il produttore artistico storico Fabrizio Barbacci.

Una serie di date fra Cile, Argentina, Uruguay e Brasile con bagagli leggeri pensati, piuttosto, per esser riempiti lungo il percorso.

Nasce in questo modo il nuovo album dei Negrita, realizzato tra Arezzo, Rio de Janeiro, Salvador de Bahia e la Spagna di Motril e Figueres, tra Aprile e Dicembre 2004, incontrando e coinvolgendo professionisti, persone comuni, musicisti e artisti di altri paesi.

La contaminazione dei suoni è evidente, si passa dal funk e blues violenti, arricchiti dalle percusioni brasiliane di Peu Meurray e Boghan Costa in Sale, alle sonorità elettro-reggae di Mother, dalla solarità, con echi alla Manu Chao di Rotolando verso sud all'istinto punk de Il mio veleno, dall'influenza dei Beatles su Tutto bene cantata da Drigo, alle forti influenze latino/argentine di Alzati Teresa, per non parlare delle sonorità folk popolari, delle chitarre dagli accenti balcanici (Cesare ha origini croate) e delle influenze sicule e giamaicane su Il Branco.

Preceduto dal singolo inedito ‘Sale’, reso disponibile solo in dowloading nei più importanti negozi on-line già dal 17 Dicembre "04.

In Febbraio la volta di Greta, primo vero singolo in uscita del nuovo album, seguito, come Sale, da un video girato interamente in sud America, ma sarà "ROTOLANDO VERSO SUD" a decretare il successo del nuovo lavoro della band; in radio dal mese di Aprile, raggiungerà presto il 3o posto dei brani più> ascoltati.

2005 un anno di successi per i Negrita:

Luglio: partecipano al LIVE 8 al Circo Massimo di Roma x la cancellazione del debito.

Agosto: ricevono il DISCO D'ORO per "L'UOMO SOGNA DI VOLARE".

Ottobre: ottengono la nomination per ‘Best Italian Act’ MTV Europe Music Awards 2005, esce nei negozi ‘La fantastica storia del Pifferaio Magico’, il nuovo album di Edoardo Bennato all'interno del quale i Negrita reinterpretano con successo il brano "È arrivato un bastimento".

Novembre: iTunes e i Negrita sono promotori di una iniziativa innovativa per il mondo della musica digitale; la band regala centinaia di "iTunes collector's card" per scaricare gratuitamente dal negozio iTunes, il brano inedito L'Uomo Sogna Di Volare (Corazón Tradicional).

PVI: ‘Rotolando verso sud’ dei Negrita vince l'edizione '05 del premio videoclip italiano.

Novembre: arriva il DISCO DI PLATINO per L'UOMO SOGNA DI VOLARE.

Dicembre: "IL CUORE SI SCIOGLIE", i Negrita aderiscono ad una campagna di sensibilizzazione per promuovere l'adozione a distanza e partecipano anche al concerto contro la pena di morte.

Dicembre: Band'hit -Artisti per Alcamo- un concerto con altri 50 artisti per promuovere la cultura.

L'anno termina con quasi 100mila copie vendute, album in classifica per ben 31 settimane e 23 settimane nelle charts con il singolo "Rotolando verso sud", 3o brano più trasmesso in radio nel 2005.


2006: "L'UOMO SOGNA DI VOLARE TOUR" termina in gennaio dopo ben 70 date.

I Negrita continuano a legare la propria immagine anche ad eventi dallo sfondo sociale/umanitario; il brano "Sale" tra le 10 canzoni in gara per il Premio Amnesty Italia per celebrare la canzone che meglio ha affrontato i temi legati al messaggio di Amnesty International.

Pau e Cesare partecipano al progetto REZOPHONIC ‘www.rezophonic.com’ e ‘www.amref.it,’ un cd il cui ricavato delle vendite sarà devoluto per la costruzione di 70 pozzi d'acqua in Africa, tanti quanti gli artisti intervenuti.

Marzo '06 esce "Chi vuol salvare il mondo?" libro Edito da Editori Riuniti, tra gli interventi anche quello di Pau, un messaggio indirizzato alle nuove generazioni.

Una nuova tourne estiva con più di 30 date sta per cominciare.

A Novembre dello stesso anno escono simultaneamente il Libro "Verso Sud - Viaggio alla ricerca del battito perfetto", il primo libro ufficiale dedicato ai Negrita, un grande "on the road sudamericano" dove pagina dopo pagina, giorno dopo giorno, parole e immagini seguono l'itinerario della band in Argentina, Uruguay, Cile e Brasile come in un diario e il doppio DVD "Verso Sud", il film documentario con il making of dell'album "L'Uomo Sogna di Volare", i videoclip realizzati e il concerto registrato per MTV Live durante il tour.
Oltre alla partecipazione a Rezophonic, i Negrita sono testimonial, attraverso Pau, del progetto idrico di Icio de Romedis www.musioka.it per la realizzazione di pozzi in Kenia e in Brasile attraverso Cesare del progetto di costruzione di cisterne d'acqua nella regione del semi arido brasiliano, realizzato dall'organizzazione non governativa Ucodep e finanziato da Coop Italia millenniumcampaign.it.


2007: E' l'anno in cui iniziano a lavorare sul nuovo album, con registrazioni a Buenos Aires (maggio 2007) e in Toscana, la cui uscita è prevista per il 31 ottobre 2008. In ottobre partono per una tournèe in Spagna, a fianco della band argentina Bersuit Vergarabat, riscuotendo un grande successo di pubblico. Il 2007 è anche l'anno dei progetti Zona Bastarda (Dj Set di Pau e Mac) e di Rock Notes (recital tratto dal libro di Drigo, con Francesco Botti voce recitante, e Drigo alla chitarra).


2008: Esce il nuovo album dei Negrita, un nuovo lavoro che promette molte conferme e straordinarie sorprese: "HELLdorado", registrato tra Buenos Aires e la Toscana Esso è anticipato a settembre dal singolo "Che Rumore fa la Felicità?" disponibile in anteprima streaming su www.negrita.com e in vendita digitale su iTunes.
HELLdorado (uscita il 31 ottobre) punta ancora più in alto con esplorazioni sonore e linguistiche a 360°. Africa, LatinoAmerica, Jamaica, Spagna, vanno a definire il vasto universo musicale dei Negrita degli ultimi anni, il tutto mezclato ad una rock'n'roll attitude sempre più rara sia in Italia che fuori.
Un album dal dna e dalle mire internazionali che si esprime in Italiano, Inglese, Spagnolo, Francese, Portoghese e non solo... ritmi incessanti, colori imprevedibili, sonorità ruvide o morbidamente accoglienti a seconda della porta che si aprirà durante l'ascolto.
Prodotto da Fabrizio Barbacci, con alla batteria Cris Dalla Pellegrina e alle percussioni il brasiliano Itaiata De Sa, si arricchisce anche di tanti special guest tra cui: Roy Paci e gli argentini Bersuit e La Zurda.
HELLdorado come l'Occidente che viviamo, come la gioia e come il dolore in uno status costante di eterne contraddizioni.
Fonte: negrita.com
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più
Musictory utilizza YouTube API Services. Per info clicca qui