Vasco Rossi “Il virus ha fermato i concerti ma non fermerà le mie canzoni”

21
Mag
2020
Pubblicato da:

Vasco Rossi vittima, come migliaia di colleghi, dell’annullamento dei concerti in programma per l’estate 2020. Il Kom ha annunciato che le date in programma sono state rimandate al prossimo anno e si attende ora il nuovo calendario, che gli organizzatori prometto verrà diffuso entro il 31 luglio.

Nel frattempo l’arista racconta, come ha fatto sempre dall’approdo sui social network, la sua vita quotidiana e il suo lavoro. Vasco ha dichiarato di soffrire questo distanziamento sociale e il fatto di non poter salire sul palco, posto che lui considera “casa”. Il virus ha fermato lo spettacolo e gli artisti, annullato concerti e cancellato eventi, ma nonostante questo non può fermare la creatività e la musica.

Sui social lo staff dell’artista ha pubblicato alcuni pezzi di una recente intervista rilasciata dallo stesso alla giornalista Milena Gabanelli, durante la quale racconta le conseguenze di questo lockdown.

“Lo shock e lo stupore paralizzano anche la creatività, ma non fermano l’artista, che per il momento si pone l’obiettivo di arrivare “sano e lucido” fino al 2021, e di adottare un principio imprenditoriale molto forte: quello della responsabilità nei confronti del suo gruppo di lavoratori” si legge ” Parole decise nei confronti di un sistema che ha delle lacune, manca di associazioni e organizzazioni alle quali affidare degli ipotetici fondi ad aiuto del settore.”

Il rocker racconta che questo lockdown su di lui non ha avuto grandi conseguenze “c’è da dire che la mia vita sociale non è molto intensa: già non esco, sono più o meno sempre in isolamento. Ma questa esperienza è stata molto forte anche per me… quando non potevo uscire neanche per una passeggiata mi sembrava una cosa pazzesca e poi non capivo il motivo: perché, dicevo, se vado da solo.”

La sofferenza più grande è arrivata quando gli è stato comunicato si non poter salire sul palco “Per me fare i concerti è importante anche dal punto di vista psicologico. Io per fare i concerti mi devo tenere in forma, non mi devo lasciare andare: è un motivo per svegliarmi la mattina. Senza i concerti mi casca un po’ tutto. Pensavo si potessero rimandare a settembre, ma quando ho capito che anche lì sarebbe stato impossibile, ho preso la cosa di petto, mi sono detto ‘va bene saltiamo un anno e pensiamo a non ammalarci'”.

 
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più
Musictory utilizza YouTube API Services. Per info clicca qui