Ultimo, like a “Non c’è nessuna pandemia”: polemiche in rete

05
Giu
2020
Pubblicato da:

Ultimo, il famoso cantante romano, torna ad essere dentro l’occhio del ciclone con una nuova polemica che vede al centro la pandemia da coronavirus.

Il celebre artista italiano, da sempre contestato per le sue controversie dichiarazioni (come è avvenuto al festival di Sanremo quando non ha digerito la vittoria di Mahmood), ora è stato pesantemente criticato dal popolo di Twitter per un “like” di troppo a un approfondimento del Corriere pubblicato a fine maggio.

Circa una ventina di giorni fa il Corriere della Sera aveva pubblicato un articolo tramite post in cui parlava di quello che è, purtroppo, l’argomento principe di ogni mezzo di informazione. Sotto questo post a tema pandemia, un utente ha scritto: “Sorpresa in generale: non c’è stata alcuna pandemia. E sorpresa sorpresona: invece lo Stato di Emergenza invece c’è eccome e oggi lo prolungano al 31 gennaio 2021! Dai, ridete con addosso quelle mascherine inutili e dannose, che siete così teneri”.

Il commento a sua volta ha ricevuto il “plauso” da parte di Ultimo e così contro il giovane artista si è accesa una fortissima polemica.

Da quel momento in poi, su Twitter, sono cominciate a piovere critiche più o meno pesanti ai danni del cantautore romano. Qualcuno ha scritto: “Se tutto questo sconvolgimento deriva dalla cancellazione del suo tour dovrebbe rivedere le sue priorità”. Qualcun altro, invece, ha sottolineato: Si capiva dal suo sfogo sul tour che sarebbe saltato che si considerava vittima di un complotto e ora lo conferma”.

Il gesto del cantante è stato considerato superficiale e pericoloso per uno che ha tutto questo seguito e che dovrebbe dare il “buon esempio”. L’hashtag #UltimoIsOverParty è diventato virale in poco tempo.

Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più
Musictory utilizza YouTube API Services. Per info clicca qui