Thegiornalisti, cantavano l’amore ma si sono sciolti per questioni di soldi “e via chat”

19
Set
2019
Pubblicato da:

Marco Rissa e Tommaso Paradiso sono due dei tre componenti dei Thegiornalisti, la band che nelle ultime 24 ore ha tenuto accesa l’attenzione nazionale per l’improvviso scioglimento. Dopo qualche anno di grande successo con decine di brani da ascolti record, il gruppo si è detto addio ma non in tono pacifico.

A sollevare la questione è stato Paradiso che sul suo instagram personale ha annunciato “I The giornalisti non esisteranno più” senza motivare la sua decisione. La risposta di Rissa non si è fatta attendere, il chitarrista sempre sul suo instagram personale ha attaccato l’ex collega dicendo che la sua posizione era stata solo presa per questioni economiche “Se vuole guadagnare di più vada da solo” e così via.

In poche ore la band che fino a ieri cantava canzoni d’amore e di felicità ha quasi stravolto la sua immagine con queste discussioni da cui l’unico che sembra esserne uscito male è proprio l’ex leader della band.

Tommaso ha rivendicato con i suoi messaggi la paternità di tutto il lavoro fatto negli anni: testi, canzoni, musiche e ovviamente diritti SIAE. Ma non solo, da quello che dichiara Rissa pare che lui abbia anche tolto loro gli accessi alle pagine social del gruppo (che solo su Instagram conta 440mila follower).

Ciliegina sulla torta di questa storia, è sempre Rissa a svelare il modo in cui la fine dei Thegiornalisti sia stata annunciata. Sempre Tommaso Paradiso ha chiuso i rapporti con i compagni, probabilmente già incrinati da tempo, attraverso un semplice messaggioÈ Tommaso che ha deciso di andar via, i Thegiornalisti in qualche modo continueranno. Abbiamo degli inediti, avevamo firmato un contratto discografico per due album con Universal. Non sappiamo bene cosa succederà ora”.

Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più
Musictory utilizza YouTube API Services. Per info clicca qui