Strage in un concerto metal in Romania: il bilancio è di 27 morti e 180 feriti

Strage in un concerto metal in Romania: il bilancio è di 27 morti e 180 feriti

02
Nov
2015
Pubblicato da:

Venerdì sera a Bucarest 27 persone hanno perso la vita durante un concerto dei Goodbye To Gravity e altre 180 sono rimaste gravemente ferite.

Il leader della band ha fatto partire dei fuochi d’artificio all’interno del Colective Club, un piccolo locale all’interno di una ex fabbrica e provvisto di una sola uscita d’emergenza, e dallo spettacolo si è passati alla tragedia.

Il locale infatti ha preso fuoco e il fatto che ci siano stati dei morti ha scomodato anche il presidente rumeno Klaus Iohannis, che ha già commentato l’accaduto e ha affermato l’intenzione di proclamare il lutto nazionale. La band stessa ha subito perdite: a quanto pare il bassista è in ospedale in fin di vita, mentre un altro membro sarebbe coperto da ustioni sul 25% del corpo.

Il gruppo metal si stava esibendo per presentare il nuovo disco, ma dopo i terribili fatti dell’altra sera, probabilmente la loro carriera è finita.

Di seguito, la testimonianza di Delia Tugui, una donna presente al live che fortunatamente è scampata alla morte: “Ero al concerto. Sono viva perché ero seduta vicino alla porta. Anche così mio marito e mio figlio hanno potuto uscire solo dopo 5 minuti, ora sono in ospedale intossicati dal fumo. Come è successo? Il fuoco d’artificio ha incendiato la spugna fono-isolante sulla colonna a sinistra del palco, quella vicino alla porta. I fuochi d’artificio non erano esagerati, sembrano relativamente innocui, ma la spugna con cui erano coperte le colonne e il soffitto del locale è molto facilmente infiammabile.

Il cantante ha anche avuto il tempo di fare una breve battuta, quando il materiale ha preso fuoco: ‘questo non era previsto nel programma’. Nell’attimo seguente ha capito che non era uno scherzo e ha chiesto un estintore, ma era già troppo tardi. In 30 secondi, senza esagerazione, il fuoco si è propagato in tutto il soffitto. Tutti sono corsi all’entrata, ma l’uscita era troppo stretta e le persone sono andate nel panico. Dietro di me hanno calpestato altre persone per riuscire a uscire.

Dopo essere uscita, ho sentito un colpo alle mie spalle ed un forte calore, e ho scoperto che mi avevano preso fuoco i capelli. L’ aria era calda, irrespirabile, il fumo denso e nero, non vedevo niente. Non sapevo dove andare. Ho capito subito che chi stava nella parte posteriore del bar non sarebbe uscito vivo da lì.”

Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più
Musictory utilizza YouTube API Services. Per info clicca qui