Stash dei The Kolors sta male. La rabbia del cantante per la cattiva bufala

01
Ago
2019
Pubblicato da:

La rete è ogni giorno piena di bufale, di parole non vede, di questi inventate e di temi delicati che vengono trattati con eccessiva superficialità soprattutto dai “leoni da tastiera”.

L’ultimo a finire nel mirino del web è il cantante dei The Kolors, il giovane Stash sul quale in seguito alla momentanea “sparizione” dai social network, sono girate voci di una presunta malattia.

Qualcosa di “brutto” dicevano in rete, ma non appena queste voci sono arrivate alle sue orecchie, la reazione è stata immediata (e di rabbia).

Nessuna malattia ha spiegato lui, criticando le modalità di gestione di questa “assenza” da parte di alcuni utenti in rete. Superficialità e cattiveria, ha affermato l’artista, attaccando ancora una volta chi gratuitamente ha messo in giro false voci sul suo conto.

“Mi sono assentato semplicemente perché volevo concentrarmi sulle nuove canzoni. In questi giorni sono stato molto in giro, ho dormito pochissimo e ho toccato con mano delle dinamiche diversissime tra loro anche riguardanti questo mondo parallelo che si chiama Instagram di schifo totale che non è la mia visione dei social network”, ha quasi tuonato il cantante, proseguendo “Sto bene, sto veramente bene! Non sono mai stato così in salute, così contento come in questo momento della mia vita. Perché mai dovrei stare male? Per una cosa che poi tra l’altro ha generato il panico tra i miei parenti preoccupati per la mia salute perché girava una notizia di un mio svenimento sul palco. Cosa non vera: semplicemente – ricostruisce l’artista – io sono arrivato sul posto dell’evento dopo sei ore di viaggio con l’aria condizionata sparata, scendo dalla macchina, 40 gradi all’ombra, mi gira la testa e mi siedo. Qualcuno avrà visto quella scena e avrà detto Oddio, sta morendo Stash!”,

 

 

Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più
Musictory utilizza YouTube API Services. Per info clicca qui