Polemiche per “Ricordami” il nuovo singolo di Tommaso Paradiso

Polemiche per “Ricordami” il nuovo singolo di Tommaso Paradiso

07
Set
2020
Pubblicato da:

Il debutto del nuovo singolo di Tommaso Paradiso, dal titolo Ricordami, fa discutere. La canzone non è stata ben accolta dal pubblico e le critiche in rete si sono moltiplicate in poche ore.

“Ma è una sigla di un cartone animato degli Anni Novanta”, “L’avrebbe cantata meglio Cristina d’Avena”, “Te voglio bene come un fratello ma oltre l’ipotetico (Vacanze di Natale) non ho provato niente”: sono alcuni dei commenti più duri lasciati sotto all’ultimo post di Tommaso Paradiso su Instagram, un video in cui l’ex frontman dei Thegiornalisti canta chitarra e voce il suo ultimo singolo, “Ricordami“, appena uscito.

Le polemiche non finiscono qui.

I più gentili dicono che il pezzo ricorda i Righeira, altri usano meno cortesie e citano Pupo o sottolineano la “somiglianza” con E’ quasi magia Johnny di Cristina D’Avena, c’è chi invita cortesemente Paradiso a lasciar perdere chi, con meno cortesia, lo accusa di essere un cialtrone.

Ma lui non rimane fermo e in silenzio. Tempo poche ore è arrivata la sua replica.

Tommaso Paradiso non se l’è presa più di tanto, ha affidato a Instagram il suo commento Voglio davvero ringraziare tutti. Vorrei condividere ogni storia che mi avete mandato ma capite che (fortunatamente) è praticamente impossibile”. Poi ringrazia anche gli “haters”, ricordando come molte altre volte le sue canzoni abbiano scatenato reazioni violente da parte degli odiatori da tastiera: “Riguardo a quella sana parte di odio vorrei dire solo questo: grazie. Vi ricordo brevemente quali sono le canzoni che ho scritto, più bullizzate quando sono uscite: Il tuo maglione mio, Promiscuità, Completamente, Riccione, Felicità puttana”.

Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più
Musictory utilizza YouTube API Services. Per info clicca qui