Mogol riscrive “Il mio canto libero” che diventa l’inno di migliaia di medici

24
Mar
2020
Pubblicato da:

Il mio canto libero di Lucio Battisti e Mogol diventa l’inno dei medici italiani contro l’emergenza Coronavirus. L’iniziativa è stata lanciata in un video realizzato dalla Federazione Italiana delle Società Medico Scientifiche e diffuso sul canale Youtube e sui social della Fism e del Ministero della Salute.

“n un mondo che… fa paura ormai, noi ti aiuteremo sai… Tutto passerà, e sorriderai, noi ce la faremo, sì, lo vedrai. Adesso resta a casa, esci solo a far la spesa domani un nuovo giorno sarà”: il testo è stato riscritto appositamente per i medici da Giulio Rapetti Mogol, che compose il singolo con Lucio Battisti nel lontano 1972. Un canto di speranza, anche in questo momento di fatica, che si appresta a diventare un brano storico per i camici bianchi di tutta Italia.

I camici bianchi e verdi, fra un turno e l’altro, dalle proprie case o da una stanza di ospedale, hanno realizzato il video della canzone per invitare gli italiani a restare a casa e dare loro un momento di speranza, mentre negli ospedali di tutto il paese si combatte la “guerra” contro il Covid-19. Parole semplici ma dirette che fanno da filo conduttore tra gli italiani e gli operatori sanitari in questo drammatico momento di emergenza.

Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più
Musictory utilizza YouTube API Services. Per info clicca qui