Mel B, su YouTube con il volto insanguinato per dire NO alla violenza sulle donne

Mel B, su YouTube con il volto insanguinato per dire NO alla violenza sulle donne

17
Mag
2021
Pubblicato da:

Mel B, cantante ed ex esponente delle Spice Girls, ha raccontato i 10 anni terribili vissuti accanto al marito Stephen Belafonte “Una vita di bugie, nella mia mente non c’era via d’uscita”.

Dieci anni da incubo, fatti di abusi fisici, sessuali e psicologici. La vita di Mel B assomigliava a un inferno: all’esterno si mostrava forte con dalla sua parte il successo, i soldi e i figli, i matrimoni ma all’interno doveva soccombere alle continue sopraffazioni dell’uomo che in teoria doveva amarla, il produttore cinematografico Stephen Belafonte

Questo è uno dei tanti motivi per cui la cantante è diventata testimonial e sostenitrice di Women’s Aid, un gruppo di organizzazioni benefiche a favore delle donne del Regno Unito.

Protagonista del video di Women’s Aid, realizzato dal compositore italiano Fabio D’Andrea, la cantante si mostra insanguinata e piena di lividi e, vittima di violenze domestiche, scappa dal suo partner piangendo. “Sono così orgogliosa di far parte di questo progetto che significa così tanto per me perché questa è una collaborazione di tre cose che sono così importanti nella mia vita. Musica, danza e un modo per evidenziare il problema sempre crescente della violenza nei confronti delle donne…”, ha detto la cantante.

Visualizza questo post su Instagram

“Sembra strano dire che sono orgoglioso di mostrare qualcosa di così brutale e inquietante, ma la mia missione è aumentare la consapevolezza di qualcosa che tante donne attraversano ogni giorno, ogni settimana, ogni mese della loro vita…” ha dichiarato Mel aggiungendo “Ho avuto la mia esperienza di relazione violenta, ma ho parlato anche con tante altre donne, ascoltato quello che hanno passato e so quanto sia reale il pericolo là fuori e io non smetterò di rompere il silenzio e la vergogna su questo argomento perché è troppo… Il mio cuore si spezza per ogni singola donna e bambino che soffre di qualche forma di abuso domestico. Voglio che questo valga per tutte le vittime di abusi. Voglio contribuire a sensibilizzare, raccogliere fondi e fare tutto il possibile per porre fine a questa epidemia”.