Lorenzo Fragola “Bengala è uscito tutto dalla mia penna”

27
Apr
2018
Pubblicato da:

Nella conferenza stampa che si è svolta ieri, Lorenzo Fragola ha presentato l’album Bengala, l’ultima sua produzione discografica arrivata sul mercato italiano venerdì 27 aprile.

Un disco ricco di novità, già anticipato in radio dai singoli Battaglia Navale e Bengala. L’album è una sua creazione, al 100% come ha spiegato “Ho scritto in prima persona questo disco, dalla creazione ai testi fino al mix finale”. Ci ha tenuto a precisare che questo disco è come se fosse un po’ la sua autobiografia: qui Lorenzo racconta la sua vita, dalla crescita artistica fino al cambiamento e l’inizio del nuovo percorso.

Ecco raccontati da lui tutti i brani presenti nell’album, in vendita da venerdì 27 aprile in due versioni, una standard e una deluxe.

BATTAGLIA NAVALE
È un brano che parla della solitudine e della paura nell’affrontare alcune scelte. Quando l’ho scritto mi trovavo a casa di amici in un momento non troppo felice, in cui mi interrogavo su quale sarebbe stato il mio futuro. Questa canzone, nata un anno e mezzo fa, ha avuto circa 13 versioni, ci sono state tante modifiche ma alla fine sono tornato al punto di origine. L’idea sonora, molto evidente, è quella di un’onda, con il beat che si infrange sulla parte suonata con l’andamento tipico del mare, un saliscendi continuo che non si interrompe.

LONTANISSIMO
È forse il pezzo più ballad del disco. È un atto di coraggio che descrive quel momento in cui ti rendi conto che una relazione è ormai finita, e non c’è niente che si possa fare per aggiustarla: il momento in cui sopraggiunge la rassegnazione. Tutto diventa più stretto, più insopportabile e allora “vado lontano lontanissimo, e sto malissimo, e fanculo!”.

SUPERMARTINA
Ho conosciuto Gazzelle a Roma la scorsa estate tramite Federico Nardelli, che ha prodotto il brano nato da un suo drop molto efficace. Nonostante non ci fossimo mai incontrati prima, ci siamo trovati fin da subito in sintonia e abbiamo scritto questo pezzo in un solo pomeriggio subito dopo la registrazione di Lontanissimo. In pratica è stata una jam improvvisata!

VEDIAMO CHE SUCCEDE
È un brano con una struttura strana, particolare: non c’è lo special e non c’è il terzo ritornello. E torna l’onda che era già presente in Battaglia Navale, perché il ritornello non si interrompe mai. Parla di un episodio che mi è successo la scorsa estate a Roma in una mattinata di caldo atroce, passeggiando da solo per le vie del centro e reduce da una serata di baldoria…a causa del caldo insopportabile sono crollato. A tenermi compagnia è stata una ragazza di un call center che, proprio in quel momento, mi aveva chiamato per propormi un’offerta.

ECHO
È uno dei pezzi che ho scritto durante la writing session ad Amsterdam, insieme ad autori stranieri ed è prodotta da SRNO. È l’unico pezzo in inglese del disco. Penso che Echo sia un’evoluzione naturale di “The Reason Why”.

MIAMI BEACH
Ho scritto questo brano tra una sessione e un’altra, quando era tanta la pressione sul disco e tanta la voglia di scappare e di andare lontano, in un posto caldo. L’ho dedicata a uno dei miei primi amori, che ogni tanto mi torna in mente, proprio come l’idea di partire e mollare tutto…ma non credo andrò mai a Miami, non fa per me! All’interno c’è un accenno di “sonorità latina”.

CEMENTO
È un brano inusuale per il panorama musicale italiano perché “composto” da due canzoni praticamente cucite tra loro, pensate insieme sia a livello di storia che di sonorità e che uniscono due concept stilistici diversi. L’ho dedicato ad un amico stretto con cui ho perso i rapporti da più di un anno: nella prima parte ho usato le parole e le frasi che lui stesso mi ha rivolto in passato mentre nella seconda, insieme a Mecna, lo stesso argomento è visto da un altro punto di vista quando, dopo aver superato il dolore, entra in gioco l’orgoglio che muta la rabbia in parole forti ma dette in modo leggero.

AMSTERDAM
Questo pezzo parla della distanza, e della difficoltà di mantenere dei rapporti a distanza che, una volta finiti, si trasformano in oggetti, in ricordi. Persino gli eccessi di Amsterdam hanno un sapore diverso, quando si vivono da soli. Fausto Cogliati ha curato la produzione e l’arrangiamento, partendo dalla mia voce a cappella.

IMBRANATI
È l’unico brano del disco che non parla strettamente di me ma dell’attesa, costante, quasi ingenua, che le persone spesso hanno rispetto ad un evento o di un’occasione che stravolga radicalmente la loro vita. Oggi che il mondo viaggia così velocemente è facile confondere il consumo, le auto e gli oggetti che compriamo con la felicità, quella sincera che ci fa ridere di gusto, di pancia. E allora “Restiamo in coda nei supermercati come gli indiani” è un esortazione a vedere il mondo con ironia, l’unica arma per non essere “incazzati”. Il suono è leggermente retrò.

BENGALA
Al centro di Bengala c’è un episodio accaduto una notte di 3 anni fa a Catania. Pioveva tantissimo e l’acqua aveva allagato completamente la città. Dovevo prendere un volo la mattina presto per Milano e non volevo partire perché ero stato solo pochi giorni a casa ma, a causa delle strade impraticabili, sono rimasto bloccato in macchina. La sensazione è stata quella che la mia città mi stesse trattenendo con forza, per non farmi partire. Ho scelto l’immagine del Niagara perché descriveva in una sola parola quello che sentivo e quello che stava succedendo intorno a me.

Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più
Musictory utilizza YouTube API Services. Per info clicca qui