Laura Pausini contro chi pensava sparisse “Ho voglia di spaccare il c*** ai passeri a casa mia”

Laura Pausini contro chi pensava sparisse “Ho voglia di spaccare il c*** ai passeri a casa mia”

02
Set
2018
Pubblicato da:

Direttamente da New York, la cantante italiana ricorda gli inizi, quel lontano 1993 quando dopo il suo successo a Sanremo, La Solitudine, nessuno pensava che potesse durare a lungo nello scenario musicale italiano.

E invece, dopo 25 anni, milioni di dischi venduti in tutto il mondo e decine di successi diventati intramontabili, Laura Pausini è una dei numeri uno, non solo in Italia ma anche all’estero. La ragazza di Solarolo è arrivata a New York ed è proprio dalla grande mela che ripensa a quei giorni “’Ah si quella ragazzina lì della Romagna.. ma figurati, tra un anno non ne sentiremo più parlare’ Febbraio 1993” scrive su Instagram pubblicando una foto che ritrae Radio City Hall dove ha volto uno degli sui ultimi concerti.

Prossima a tornare in Italia con il tour, Laura ha lanciato una provocazione, usando anche parole senza alcun filtro.

2018 saluti e baci da #newyork mi ricordo bene le vostre facce, tra ex discografici, giornalisti e esperti di musica. Vi mando un bacione torno in Italia dall’8 settembre in tour e ho una gran voglia di spaccare il culo ai passeri anche lì, a casa mia.”.

Qualche polemica contro queste parole si è sollevata, ma nonostante questo Laura Pausini continua ad attirare a se solamente commenti positivi.

Il suo viaggio a NY è quasi terminato e prima di tornare a casa, un’altra foto e un altro messaggio dove sottolinea l’entusiasmo si quei momenti.

È l’ultima foto giuro… ma come faccio a non godere di sta cosa dai! La dedico a voi che qui mi avete accompagnata e portata in 25 anni. Ho ancora 4 giorni qui in America per cose importanti che vedrete presto anche in Italia e poi torno da voi dall’8 settembre in tour! Sono carica, gasata, emozionata: ho passato un mese tra sud, centro e Nord America ed è stato bellissimo, non vedo l’ora adesso di sentire voi nelle mie orecchie e nella mia pelle.  Grazie per aver creduto in me.. per crederci ancora.. certi angoli di notte vedono una luce bellissima..”.