Irama contro Vladimir Luxuria “Non hai capito niente”

10
Apr
2019
Pubblicato da:

La polemica tra Vladimir Luxuria e Irama, sul brano di quest’ultimo Stanotte dove viene accusato di omofobia per alcuni passaggi del testo, continua. Questa volta a rispondere alle accuse è lo stesso giovane artista.

Contro Luxuria afferma “Non hai capito niente” riguardo all’interpretazione che avrebbe dato ad alcune parole contenute nel testo del singolo. Luxuria nei giorni scorsi si è infuriata scrivendo che non si sarebbe mai aspettato un comportamento di questo tipo da un cantante giovane e sensibile come Irama.

Il vincitore di Amici 2017 e settimo classificato a Sanremo con il brano La ragazza col cuore di latta, Irama ha voluto rispondere alle accuse e spiegare la sua posizione (fraintesa).

In esclusiva al quotidiano diretto da Marco Travaglio ha risposto Ci sono cose che non mi soffermo molto a commentare, ho dato una risposta dal punto di vista grammaticale. Ho detto una cosa ed è uscita fuori una polemica da una persona che evidentemente non ha capito la grammatica. Poi però ho visto che in tantissimi hanno risposto e, ti dico la verità, non sono stato lì a soffermarmi a leggere tutti i commenti a mio favore, perché l’ho trovata una cosa poco rilevante, penso che ci siano cose molto più importanti. Chi deve sapere, sa. Purtroppo in questo periodo sono stato molto bersagliato da questo tipo di polemiche un po’ semplicistiche, sono cose che vanno oltre la musica. Sia chiaro però non mi ritengo assolutamente vittima di niente.. 

Vladimir Luxuria ha invitato le radio a non trasmettere più il suo brano Stanotte per una presunta frase omofoba, ma per il momento nessuno ha dato seguito a queste parole e il brano è rimasto in radio, registrando anche un picco di visualizzazioni su YouTube.

Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più
Musictory utilizza YouTube API Services. Per info clicca qui