Il tunnel di Noel Gallagher: dalla droga agli attacchi di panico, fino alla rinascita in Thailandia

Il tunnel di Noel Gallagher: dalla droga agli attacchi di panico, fino alla rinascita in Thailandia

12
Mag
2020
Pubblicato da:

Noel Gallagher ha ammesso che la sua battaglia per la cocaina gli aveva causato brutali attacchi di panico negli anni ’90. Il cantautore e chitarrista ex Oasis Noel Gallagher ha rivelato che l’assunzione di cocaina ogni notte per un periodo di quattro anni gli fece nascere fortissimi attacchi di panico

Era dal 1995 al 1998. Sono stati i miei anni folli. Ho dovuto fare il check-in in ospedale una volta. Ero a Detroit, infatti, e ricordo di avere avuto una forte psicosi e di dover andare in ospedale. Non avevano capito una parola che quello che stavo dicendo a causa del mio accento e mi dissero che ero comunque sulla buona strada. Ho avuto alcuni brutali attacchi di panico, motivo per cui ho smesso di drogarmi”. 

Gli attacchi di panico a causa di droghe varie furono per lui terribili.

“Avevo terribili attacchi di panico che mi paralizzavano. Una notte sono persino finito in ospedale”, ha raccontato. La svolta è arrivata il 5 giugno 1998: mentre gli amici guardavano una partita di calcio, fumavano marijuana, sniffavano cocaina, lui si è limitato a mangiare una vaschetta di noodles.

Dopo la presa di coscienza, Noel si è trasferito in Thailandia con la moglie di allora, Meg Matthews, da cui ha avuto la figlia Anais e poi in campagna, nel Regno Unito, lontano da tutto. La strategia ha funzionato. Sull’esperienza ha scritto la canzone Gas Panic!, contenuta nell’album Standing on the shoulders of giants (2000) .