Il tour di Mika con biglietti nominali contro il secondary ticketing

29
Ott
2019
Pubblicato da:

Mika torna in tour ed è già evento. La star della musica internazionale, è pronto a dare il via a una tournée di 12 date nei palasport italiani, da Nord a Sud.

Per il suo Revelation Tour, che partirà il 28 novembre, Mika ha optato per il biglietto nominale in modo da contrastare la piaga del secondary ticketing, ovvero il bagarinaggio online con i prezzi dei concerti che salgono a livelli spropositati.

L’organizzazione è al lavoro su più fronti, e Claudio Trotta patron di Barley Arts ricorda che “ai concerti di Mika sarà d’obbligo il biglietto nominale, per contrastare ogni forma di speculazione e il fenomeno del secondary ticketing. L’invito è sempre quello di diffidare dai circuiti di vendita alternativi e non comunicati tramite i suoi canali ufficiali”.

Sul sito di ciascuna biglietteria sarà presente un link seguendo il quale si potrà procedere in autonomia ed istantaneamente al cambio nominativo in modo da produrre una ricevuta con il nuovo nominativo da stampare. Il nuovo intestatario dovrà portare la ricevuta al concerto ed esibirla insieme al biglietto originale e al proprio documento di identità. La ricevuta NON sostituisce il biglietto originale, che deve essere sempre presente.

Tutte le date del “Revelation Tour”: Torino (24 novembre, Pala Alpitour) la prima città del tour italiano di Mika: gli altri live sono il 26 novembre, Ancona (PalaPrometeo); il 27, Roma (Palazzo dello Sport); il 29 Casalecchio di Reno (Bologna, Unipol Arena); il 30, Montichiari (Brescia, PalaGeorge); il 2 dicembre, Livorno (Modigliani Forum); il 3, Assago (Milano, Mediolanum Forum); il 1° febbraio 2020, Padova (Kioene Arena); il 2, Bolzano (PalaOnda); il 5, Napoli (Teatro PalaPartenope); il 7, Bari (Palaflorio); l’8, Reggio Calabria (Palacalafiore).

Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più
Musictory utilizza YouTube API Services. Per info clicca qui