Il Jova Beach finisce a Linate davanti a 100mila persone “Una vera figata”

23
Set
2019
Pubblicato da:

La festa è finita, con il maxi concerto del 21 settembre nel parco dell’aeroporto di Linate si chiude per sempre l’avventura che ha segnato l’estate 2019 di Jovanotti. Con un evento unico e indimenticabile, l’artista porta a casa una stagione di grandi successi grazie a questo festival che “Rimarrà unico e irripetibile”.

Qui non c’è un mare, ma davanti a me vedo un oceano di meraviglia“, ha esclamato Jovanotti salendo sul palco, con il sorriso iconico stampato sul volto, ben consapevole di aver messo in piedi una vera figata. Non si è risparmiato per tutto il giorno, dalle 15 fino a mezzanotte, come un vero showman che canta, balla, presenta… e addirittura celebra matrimoni, come è successo verso l’ora del tramonto.

Alle 20:30 come da programma è iniziato il suo set, il suo momentoQuesto è stato un progetto controverso, che non se ne va in giro in leggerezza ma con la leggerezza del cuore. Ogni volta siamo arrivati con la voglia di celebrare la vita e ce ne siamo andati lasciando ancor più pulito il posto dove abbiamo fatto festa. Questa dev’essere la sfida della nostra generazione: divertirsi senza avere il senso di colpa”.

“Siamo a Linate non a caso – ha detto Jovanotti sul palco spiegando prima di iniziare la serata il perché della sua svelta -. Perché un aeroporto ha una forte valenza simbolica legata alla vita tra arrivi, partenze, ritardi, lacrime e aspettative. Siete venuti da tutta Italia e non mi vengono le parole per ringraziarvi, fortuna c’è la musica! Questo è stato un tour pazzo e oggi abbiamo festeggiato la nostra sfida riuscita, ossia divertirci senza sensi di colpa. Abbiamo provato a sistemare le cose, abbiamo lasciato puliti i posti che abbiamo visitato. Sui temi dell’ambiente o si vince tutti o si perde tutti: il pianeta sta soffrendo, la temperatura globale si alza e l’unico modo per fare bene le cose è farle insieme. Sono felice perché sono voi che siete la mia gente, siamo tutti sulla stessa barca”.
La serata è stata magica, spaziale hanno detto alcuni dei presenti, uno spettacolo non solo ben riuscito ma che è arrivato anche a comunicare ancora una volta il messaggio di partenza “L’urgenza, oggi, è salvare il nostro pianeta che ha un problema. O si vince tutti, o si perde tutti. Non possiamo dividerci in questo“.

Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più
Musictory utilizza YouTube API Services. Per info clicca qui