“I Negramaro i miei migliori amici, senza di loro sarei perso” Giuliano Sangiorgi ai colleghi

03
Ott
2019
Pubblicato da:

La musica per i Negramaro, una delle band più famose dello scenario musicale italiano che ormai da quasi 20 anni continua a pubblicare dei prodotti indimenticabili, non è solo lavoro, è anche vita e soprattutto amicizia.

Giuliano Sangiorgi si racconta ancora una volta a VanityFair, questa volta senza parlare della sua famiglia ma dell’amicizia che lo lega alla band e in particolare a Lele Spedicato.

Formata da sei componenti (Giuliano Sangiorgi, Emanuele Spedicato, Ermanno Carlà, Danilo Tasco, Andrea Mariano e Andrea De Rocco), il gruppo è unito dal 2000.

Quando c’è stato un momento di crisi con la band sono andato a New York: mi sono sentito solo e ho capito il dolore di mamma quando ha perso papà” racconta l’artista che non hai mai negato questo fatto, nemmeno con i fan, rimanendo sempre trasparente con tutti riguardo ai suoi pensieri.

La band per lui è come una seconda famiglia, tenuta insieme soprattutto da Lele Spedicato “È l’ombrello che ci ha protetti. Senza di lui avrei smesso. Lo ringrazierò per non avermi cambiato la vita” confida.

La band negli anni ha anche affrontato una convivenza, finita inevitabilmente quando ognuno ha iniziato la propria vita “Otto-nove anni indimenticabili. È stato un trauma quando Ermanno e Danilo (Tasco, il batterista ndr) sono andati a vivere con le compagne: pensavo sarebbe stato per sempre, come quando cerchi di eternizzare un momento della tua gioventù”. 

Ma nonostante questo il rapporto non si è mai rovinato e per ora non c’è alcun progetto di abbandono. I Negramaro ci sono e torneranno presto con nuovi progetti musicali!

Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più
Musictory utilizza YouTube API Services. Per info clicca qui