Evasione fiscale, indagato Gigi D’Alessio

24
Nov
2015
Pubblicato da:

E’ davvero un periodaccio per Gigi D’Alessio! Solo pochi giorni fa è stato rinviato a giudizio per rapina per aver sottratto la macchina fotografica a due paparazzi che tempo fa lo avevano immortalato durante una passeggiata. Adesso, però, il cantautore è nei guai col fisco ed è stato convocato in procura dal pm Francesco Saverio Musolino poichè indagato per una presunta evasione fiscale di un milione di euro.

Nei giorni scorsi il difensore dell’artista ha preso contatti con gli inquirenti per concordare la data della deposizione. L’accusa è occultamento o distruzione di documenti contabili riconducibili a una delle società che hanno curato negli anni l’immagine del cantautore. Oltre a D’Alessio, dovranno varcare la soglia della procura anche altre tre persone ritenute partecipi dell’operazione finalizzata al mancato pagamento delle tasse.

A finire nel mirino degli investigatori sono il contabile del cantante, un socio dell’impresa creata ad hoc per gestire i diritti legati alla figura di D’Alessio e un avvocato civilista, membro dell’azienda con una quota di minoranza.

Per quanto riguarda invece la questione della rapina, il processo comincerà il prossimo 25 febbraio. In questo caso si tratta di una questione giudiziaria che si trascina da ben otto anni. All’artista è contestato di aver strappato a un fotografo il rullino prima che scattasse delle foto davanti la sua villa all’Olgiata.

La vicenda risale alla sera dell’11 gennaio del 2007 e il cantante è già stato condannato in primo grado per lo stesso episodio a 9 mesi di carcere per esercizio abusivo delle proprie ragioni. Tuttavia nel 2012 la Corte d’appello ha imposto la riformulazione dell’accusa che ha comportato l’inizio dell’attuale procedimento.

Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più
Musictory utilizza YouTube API Services. Per info clicca qui