Ermal Meta e Renato Zero seguono Madonna “Stop dei cellulari ai concerti”

04
Nov
2019
Pubblicato da:

Nuova “petizione” in arrivo dal mondo della musica italiana. Sull’onda del messaggio di Madonna, molti artisti nostrani iniziano a seguire le stesse orme dicendo stop ai cellulari durante i concerti

I tempi sono cambiati. Il progresso va avanti inarrestabile, travolge tutto e tutti, fregandosene di chi o cosa può avere davanti. Che i tempi siano cambiati lo vedi da un sacco di cose, più o meno belle, più o meno utili. Tra questi ci sono i cellulari che vengono usati (abusati) durante i concerti di musica e che di conseguenza portano gli spettatori a concentrarsi di più sullo schermo dello smartphone e la registrazione, che sulla serata.

La prima a denunciare questa cosa è stata Madonna che ha deciso che durante i suoi concerti agli spettatori sarà vietato l’uso di questo strumenti. 

Una decisione tanto contestata quanto promossa dai suoi fan, una decisione che successivamente è stata presa anche da alcuni rappresentanti della musica italiana.

Il primo è stato Renato Zero che dopo aver assistito ai fan in prima linea, concentrati solo sulla registrazione di video che sul seguire il concerto, ha “Basta con i cellulari, vi prego. È una crocifissione. Siete venuti qui per Renato, non per fare i cameramen. Metteteci l’anima e la memoria, non queste caz****”.

Dello stesso parere è anche Ermal Meta che un anno dopo aver denunciato la cosa sui social torna con il medesimo messaggio “C’è gente che mi scrive di essere rimasta con l’amaro in bocca perché dopo il “bellissimo ed emozionante” concerto non mi sono fermato a fare le foto. Vorrei dire con grande serenità a tutti i delusi dell’ultima ora che non si va ai concerti per poi esibire un trofeo fotografico sul proprio social, ma per vivere un’esperienza. Mettete giù sti telefoni e godetevi le esperienze. Un abbraccio a tutti, con affetto”.

Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più
Musictory utilizza YouTube API Services. Per info clicca qui