Capodanno Mediaset, il no di Gerry Scotti “Lo passerò a casa con la famiglia”

16
Ott
2017
Pubblicato da:

Doveva essere quasi con certezza Gerry Scotti il nuovo volto del capodanno Mediaset, al posto di Gigi D’Alessio con cui l’azienda, in seguito al continuo calo di ascolti, ha voluto chiudere il contratto stipulato tre anni fa.

Il conduttore della televisione italiana è stato intervistato a Milano dal direttore di Tv Sorrisi e Canzoni al quale ha raccontato vari aspetti del suo lavoro e della sua vita, rispondendo anche alla domanda sulla chiacchierata conduzione del 31 dicembre.

Gerry Scotti è uno dei volti più amati della televisione italiana e lo dimostrano i risultati che ogni anno ottiene con i suoi programmi: in ultimo Caduta Libera e Tu Si Que Vales dove è uno dei 4 giudici. Il successo del suo gioco delle botole ad esempio è la conferma di quanto il pubblico ami la sua televisione Arriveremo a sfiorare le 500 puntate. Come si diventa un grande classico della tv? Quando la gente fra 20 anni dirà: “Ti ricordi quel gioco dove si cadeva giù dalle botole?”. Di “Passaparola” dicono: “Ti ricordi quel gioco dove c’erano le Letterine?”. “Caduta libera” era un esperimento ed è diventato un grande classico”.

Un uomo dall’enorme successo mediatico ma che nonostante i grandi numeri resta con i piedi per terra “Se così fosse, mi sarei montato la testa anni fa. Bisogna fare l’abitudine a esserci sempre, quando le cose vanno bene e quando vanno male, quando ci sono gli elogi e quando arrivano le critiche” risponde quando il giornalista gli parla dei suoi ascolti milionari.

Ed infine ecco cosa svela sul Capodanno di Canale5.

“E con il suo spumante brinderà su Canale 5 la notte di Capodanno?” Lui risponde “Non farò il Capodanno in televisione, né a reti separate, né a reti unificate. Lo festeggerò, invece, a casa con la mia famiglia”.

Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più
Musictory utilizza YouTube API Services. Per info clicca qui