Bologna, cori dei tifosi contro il Napoli – Gianni Morandi: ‘Essere presidente del Bologna non mi piace più’

20
Gen
2014
Pubblicato da:

“Ieri allo Stadio di Bologna è successo qualcosa di inqualificabile e di cui mi sono vergognato”. Esordisce così, sulla sua pagina facebook, il grande Gianni Morandi, che da anni è il presidente onorario del Bologna FC. Il cantautore emiliano è rimasto disgustato dal terribile comportamento dei tifosi bolognesi, che durante la partita Bologna – Napoli disputata domenica pomeriggio…

…hanno esagerato con i cori razzisti e con la maleducazione che da sempre – ahimè – accompagna buona parte dei tifosi accaniti, quelli che il calcio non lo amano e la sportività non sanno dove sta di casa.

Sul social network, Morandi ha così spiegato quel che è accaduto: “Prima dell’inizio della partita sono comparsi striscioni intollerabili contro la squadra e la città di Napoli e mentre le note di CARUSO con la voce di Lucio risuonavano nell’aria, una parte della curva dei tifosi rossoblu ha cominciato a fischiare.”

Il cantante ha poi continuato il suo racconto con tono nostalgico: “Non credevo che il tifo fosse degenerato a questo punto. Sono lontani i tempi quando lo Stadio di Bologna veniva preso ad esempio per la civiltà e la sportività del pubblico presente, che sapeva addirittura applaudire la squadra avversaria quando giocava meglio della nostra.”

Infine, la frase che ha fatto rabbrividire e dispiacere tutti i tifosi della squadra di Davide Ballardini, quelli educati che amano lo sport e il fair play: “Non so quanti fossero ieri quegli incivili, capaci di un simile comportamento, razzista ed offensivo […] essere il presidente onorario, anche se è una carica simbolica e forse inutile, non mi piace più.”

Molti hanno ringraziato Gianni Morandi per la sua testimonianza. In primis il sindaco Luigi De Magistris, che sempre su facebook ha scritto: “A nome di tutti i miei concittadini voglio ringraziare Gianni Morandi, il sindaco di Bologna, Merola e tutti coloro che hanno condannato i cori razzisti pronunciati ieri, in occasione della partita, contro la nostra città. Lo sport ed il calcio in particolare, così popolare e partecipato in questo nostro paese, non possono diventare occasione di razzismo e discriminazione territoriale, ma devono essere, al contrario occasione di promozione dei valori della convivenza e della tolleranza”.

Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più
Musictory utilizza YouTube API Services. Per info clicca qui