Biagio Antonacci a VanityFair “Conosco il ghetto, la povertà e il razzismo”

11
Lug
2018
Pubblicato da:

Biagio Antonacci intervistato da VanityFair si racconta a 360°; dopo il successo del suo ultimo disco Dediche e Manie, l’artista prossimo al compimento dei 55 anni parla della sua vita privata.

Un successo arrivato come corporazione di un grande sogno, un sogno partito dal ghetto di Milano dove lui è cresciuto, a contatto con realtà di ogni genere. “Vengo da un ghetto alle porte di Milano in cui noi ragazzi, una tribù, ci sentivamo alternativamente i protagonisti della Via Pál di Molnár o i Greasers della 56a strada raccontati da Francis Ford Coppola. Dicevi: “Sono di Rozzano”, e vedevi i volti della gente di città deformarsi, i lineamenti parlare, gli occhi far brillare un pensiero nascosto: ‘Siete tutti barbari voialtri, tutti balordi, tutti ladri lì nel Bronx.’”.

Sono queste le parole che usa per riassumere la sua infanzia, che nella carriera gli è poi stata di spunto per moltissimi delle sue canzoni. Oggi Biagio si definisce un uomo “ipersensibile e malinconicamente predisposto all’infelicità”. La storia della sua vita è stata il motivo che gli ha aperto la strada verso il successo: il desiderio di riscatto e la determinazione sono la chiave del suo successo di oggi.

Dove papà era arrivato, a 16 anni dalla Puglia, con due buste in mano e le tasche vuote. Dormiva negli appartamenti in costruzione, viveva di espedienti, cercava disperatamente di far quadrare i conti ogni giorno. La parola povertà la conosco perché su quella soglia noi e tanti altri siamo stati spessoracconta – Ci chiamavano i terroncelli, c’era ancora e c’è tuttora una forma di razzismo spietata, ma sentirci chiamare ‘terunìn’ ci ha fatto diventare forti, ci ha spinto alla revanche: ‘prima o poi ve la faremo vedere’, pensavamo. Anche con la rabbia, con le risse e con le scorribande spesso scatenate da un insulto di troppo. Essere ironici e autoironici, quando ti trovi ai margini, è complesso.”.

Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più
Musictory utilizza YouTube API Services. Per info clicca qui