Avicii, la famiglia distrutta “Avevamo capito che stava male ma non lo abbiamo raggiunto in tempo”

03
Mag
2018
Pubblicato da:

Il dolore per la perdita di Tim Bergling continua a far soffrire i suoi familiari e proprio da loro vengono fuori quasi giorno dopo giorno tragici retroscena.

Il ragazzo è morto perchè si è scuididato, un gesto estremo che è stato “giustificato” dai parenti come la risposta ad una situazione di vita divenuta ormai insostenibile. A soli 28 anni Avicii si è volontariamente tolto la vita, ma forse tutto questo poteva essere evitato.

A dichiarare questo sono i familiari, che hanno raccontato di essere al concorrente della sua difficile situazione psicologica che negli ultimi mesi gli impediva di sorridere.

“Quando hanno sentito Tim via telefono si sono immediatamente preoccupati. – ha raccontato una fonte vicina ai genitori, al sito svedese Stoppa PressarnaLa famiglia ha subito capito che stava male e che dovevano raggiungerlo il prima possibile”. A quanto pare infatti un parente si era subito precipitato a prendere un volo, che purtroppo non è arrivato a destinazione in tempo, atterrando solo due ore dopo che Avicii si era tolto la vita.

“È stato tremendo per la famiglia, stanno tutti provando un senso di impotenza e frustrazione. È una tragedia terribile. Tim era un bravo ragazzo” racconta ancora la fonte.

Una morte annunciata non solo in quel giorno ma già da tempo; lo sapevano i suoi genitori che il ragazzo stava passando un momento difficile “Quando ha smesso di andare in tour, voleva trovare un equilibrio nella vita per essere felice e in grado di fare quello che amava di più, la musica. Non poteva più andare avanti così” ma nessuno avrebbe pensato ad un gesto così estremo.

 

Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più
Musictory utilizza YouTube API Services. Per info clicca qui