Musictory Notizie Silvia | Musictory Notizie- Part 2

Tutti i post di Silvia

  • Top ascolti settimana, Vasco Rossi e Ligabue in vetta

    22
    Gen
    Gen
    2021

    EarOne ha stilato la nuova classifica relativa ai brani più ascoltati nelle radio italiane. Pochi cambiamenti dalla settimana precedente, con sia Vasco Rossi che Ligabue che conservano le loro posizioni.

    In vetta c’è il singolo Una canzone d’amore buttata via, il primo brano di Vasco Rossi del 2021 e in generale il primo brano di quest’anno. Al secondo posto si inseriscono Takagi & Ketra con il singolo Venere e Marte, registrato con Marco Mengoni e Frah Quintale. Terzo posto riconfermato per Ligabue con la sua Volente o Nolente assieme ad Elisa, uno dei brani inediti del suo ultimo disco 7+7.

    A seguire in quarta posizione ci sono i Pinguini Tattici Nucleari con Scooby Doo, poi ancora i Boomdabash con Don’t Worry.

    New entry Emma e Alessandra Amoroso con il loro nuovo singolo insieme Pezzo di cuore, che si inseriscono alla sesta posizione di questa classifica settimanale.

    Settimo posto per Ghali con Mille Pare (Bad Times), ottavo posto per Negramaro con Contatto, nono posto per Samuel & Colapesce con Cocoricò.

    Chiude la TOP10 di questa settimana il singolo Baby di Sfera Ebbasta assieme a J Balvin.

  • Nuova musica per Island Record: Elisa, Tommaso Paradiso e Mahmood per la metro di Milano

    21
    Gen
    Gen
    2021

    Maxi Manifesti con Elisa, Tommaso Paradiso e Mahmood hanno invaso alcune delle fermate della metropolitana di Milano accompagnati dalla scritta “Preparati alla nuova musica” e l’anno 2021.

    E’ questa, gialla con testi neri e immagini in bianco/nero, la trovata pubblicitaria della Island Record con cui annuncia importanti novità in arrivo da parte di alcuni dei suoi artisti.

    La potente campagna di comunicazione che non può certo passare inosservata, seppur le stazioni siano quasi deserte a causa delle nuove restrizioni legate all’emergenza sanitaria, invita quindi a cliccare “Play” su questo 2021, annunciando imminenti novità discografiche per l’anno in corso.

    I protagonisti di questa campagna per il momento sono loro tre ma è quasi sicuro che nei giorni che seguiranno i volti degli artisti il cui 2021 è ricco di sorprese, andranno aumentano.

  • Gabry Ponte esce dalla sala operatoria

    21
    Gen
    Gen
    2021

    Intervento terminato per Gabry Ponte, l’artista che pochi giorni fa proprio sui social aveva annunciato di dover affrontare un difficile intervento al cuore.

    Il peggio è passato e sempre sui social arriva la foto post sala operatoria.

    Per l’artista un sorriso accennato e la didascalia “Eccomi ragazzi! un po’ provato ma felice” scrive festeggiando il buon esisto dell’operazione “L’intervento è andato bene e dopo una notte in cardiorianimazione oggi mi hanno trasferito in reparto. non avete idea della forza che mi ha dato leggere tutti i vostri messaggi GRAZIE vi voglio bene!! vi aggiorno presto“.

    Non è stato svelato quale fosse il reale motivo di tale intervento, tutto quello che Ponte ha raccontato qualche giorno fa è che “il mio cuore , ironia della sorte, non va a tempo“.

    Visualizza questo post su Instagram

  • Al Bano “Sanremo? Meglio rimandarlo all’estate”

    21
    Gen
    Gen
    2021

    Protocolli sanitari, regole, distanziamenti, assenza di pubblico: sono queste parole delle nuove regole che il prossimo Festival di Sanremo dovrà rispettare.

    Già slittato di un mese rispetto all’abituale appuntamento di febbraio (quest’anno la kermesse si terrà dal 2 al 6 marzo), nelle ultime ore si è visto privare anche della presenza del pubblico. Una decisione necessaria hanno fatto sapere dalla pRefettura della città, per non andare incontro a drammatiche conseguenze per i presenti.

    Mentre la macchina del Festival prosegue, c’è chi avanza ipotesi di ogni tipo.

    Non ultimo è Al Bano, che sul palco del Teatro Ariston ci è salito in più occasioni e con più vesti, che ipotizza un ulteriore slittamento della gara.

    “Un bel festival non si può fare con dei protocolli sanitari. Sanremo è sempre stato un momento di grande ilarità e piena partecipazione, sia di pubblico che di artisti. Avendo a che fare con questa pandemia diventa un festival a metà e visto male e allora mi chiedo: non sarebbe meglio aspettare tempi migliori?“, sottolinea l’artista. Un’ipotesi azzardata hanno definito molti ma che, forse, potrebbe permettere alla kermesse un “più regolare” svolgimento.

  • No al pubblico di Sanremo: ufficiale la decisione del Prefetto

    21
    Gen
    Gen
    2021

    Per garantire massima sicurezza durante lo svolgersi del Festival di Sanremo, slittato al 2 marzo, il pubblico non sarà presente al teatro Ariston.

    Dopo giorni di accese discussioni in casa Rai e nel comune della città, arriva la decisione del Prefetto che non ammette repliche. La kermesse canora italiana quest’anno non avrà pubblico in sala a seguire l’evento nelle sue 5 serate.

    Una decisione necessaria hanno fatto sapere alla stampa, data la situazione di emergenza sanitaria in corso che potrebbe subire gravi conseguenze in caso si “assembramento di persone” all’interno della struttura.

    Una decisione arrivata, secondo alcuni, anche in seguito alle numerose polemiche che si sono sollevate nei giorni scorsi: ”Perché il pubblico al Festival di Sanremo si e i teatri di tutta Italia chiusi da mesi?”.

    La mancanza di pubblico nella platea dell’Ariston non ha comunque snellito gli ospiti della kermesse, che quest’anno proprio per celebrare la gara canora ha ingaggiato il divo del momento Can Yaman che si aggiunge a Achille Lauro, Zlatan Ibrahimovic e Elodie.

    Ancora aperta però rimane la questione della sicurezza dei musicisti, dagli artisti in gara all’orchestra, oltre agli operatori e alle persone che lavorano dietro le quinte.

  • Biagio Antonacci ospite speciale alla IULM “La vita così come l’ho sognata e vissuta”

    21
    Gen
    Gen
    2021

    Biagio Antonacci sarà ospite della rassegna Carte Blancheil 21 gennaio, alle ore 18.00, presso l’Università IULM (Libera Università di Lingue e Comunicazione) di Milano. A intervistarlo il Rettore Prof. Gianni Canova e due studenti IULM.

    “Noi che lavoravamo per mantenere un sogno”: è questo il titolo del terzo appuntamento di Carte Blanche, rassegna di musica e teatro della IULM con lezioni in streaming aperte non solo agli studenti dell’Ateneo, ma a tutti coloro che desiderano collegarsi in diretta.

    Il prossimo ospite speciale del Rettore Prof. Gianni Canova alle 18.00 di giovedì 21 gennaio sarà il cantautore Biagio Antonacci, collegato in remoto.

    Voce e volto della musica italiana tra i più noti, forse non tutti conoscono la storia dell’artista milanese, di quando per poter realizzare il suo sogno apriva e chiudeva ogni giorno il cantiere in cui lavorava come geometra. Una doppia vita professionale che gli ha permesso di poter mantenere quella che era, all’inizio, una passione e che poi è diventata una professione. È nel 1991, l’anno del suo secondo album “Adagio Biagio”, che la carriera di Biagio Antonacci ha iniziato a decollare. L’anno seguente arriva il successo con il singolo “Liberatemi”, che dà il titolo anche al nuovo album, il terzo. Da sempre molto sensibile alle tematiche giovanili, il cantautore inserisce anche nei testi delle sue canzoni – che spesso sono delle poesie – il valore sociale della crescita personale di ogni singolo individuo.

    La IULM – ha dichiarato il Rettore Canova – continua a svolgere la sua funzione di laboratorio sociale e di laboratorio delle idee, coinvolgendo non solo gli studenti e il personale docente e non docente, ma anche coloro che sono interessati. Anche se il Campus a causa di questa situazione di grande grande difficoltà e di emergenza non può ancora essere aperto a tutti, l’Ateneo prosegue a sperimentare dal punto di vista didattico, come con questo format, e si conferma produttore di cultura a disposizione di tutti. A questo terzo appuntamento ne seguiranno altri in ambito sia musicale sia teatrale”.

    Il format Carte Blanche, come indica il nome stesso, prevede che sia lasciata carta bianca agli ospiti sul palco: a interagire con Biagio Antonacci ci saranno, oltre al Rettore, anche due studenti della IULM che porranno all’ospite domande sulla sua carriera.

    L’evento, che si terrà in diretta streaming, è aperto a tutti. Puoi seguirlo sul sito dell’Università (su questa pagina) e sul canale YouTube di IULM.

  • Ed Sheeran, Elton John, Sting e le star della musica contro il governo britannico “Ci avete abbandonato”

    21
    Gen
    Gen
    2021

    Una lunga lettera rivolta al governo brittanico accusato di aver abbandonato le star del mondo della musica in questo momento di crisi economica, conseguenza della emergenza sanitaria e della Brexit.

    La lettera di denuncia porta 110 firme importanti: tra queste emergono quelle di Sting, Elton John, Ed Sheeran, Liam Gallagher, Radiohead, Bob Geldof, Brian May dei Queen, Robert Plant dei Led Zeppelin, Peter Gabriel e Kim Wilde.

    Gli artisti, come era già avvenuto anche in Italia in diverse occasioni, si sono uniti denunciando una situazione di totale abbandono, un abbandono “vergognoso” iniziato soprattutto dopo la Brexit.

    Le “voci inglesi” lo fanno in una lettera pubblicata dal Times in cui denunciano come gli accordi “abbiano reso l’Europa una no-go zone per i musicisti”.

    Dopo la fine della libera circolazione tra il continente e il Regno Unito si devono ottenere visti individuali prima di recarsi in qualsiasi paese dell’Unione Europea, con conseguenti costi aggiuntivi (anche permessi di 350 sterline per strumenti musicali e altre attrezzature) e beghe burocratiche che renderanno “molti tour insostenibili”. Londra e Bruxelles si incolpano a vicenda per questa situazione ma, dicono i firmatari, a farne le spese saranno i musicisti, specialmente i giovani e gli emergenti “che già fanno fatica a tenere la testa fuori dall’acqua”.

  • Proposta per Sanremo “Esibizioni nei teatri italiani e parte dei compensi devoluti alle strutture”

    21
    Gen
    Gen
    2021

    Il Festival di Sanremo fa parlare e quest’anno ancora di più. Sul tavolo del dibattito sono ancora in corso le modalità con cui si svolgeranno gli spettacoli, la presenza del pubblico, la gestione della sala stampa e soprattutto i compensi.

    Mentre le polemiche non smettono di articolarsi sulle varie questioni, si fa largo un proposta diversa. A parlare alla stampa è Gabriele Ciampi,. musicista, compositore e direttore d’orchestra, unico italiano presente nella giuria dei Grammy Awards, unico artista che ha diretto le proprie musiche alla Casa Bianca in occasione del tradizionale il Concerto di Natale nel 2015.

    La sua proposta è quella di svolgere in modo nuovo il Festival della canzone italiana, strutturando lo spettacolo in modo che tutta Italia e non solo la città di Sanremo ne possa trarre beneficio.

    “Con pubblico o senza pubblico non si può immaginare un anno senza Sanremo, e, nel 2021, un Sanremo Nazionale, come dice Amadeus ci vuole. Ma sarebbe importante dare una mano ai teatri obbligati alla chiusura e quindi far esibire gli artisti italiani ospiti del Festival nei teatri delle realtà più simboliche di Napoli, Milano, Roma e Palermo. Teatri aperti, ma senza pubblico, in cui i diversi ospiti si esibirebbero nelle varie serate. Per dare un segnale ancora più importante, il compenso che viene dato all’artista dalla Rai potrebbe essere diviso a metà con il teatro per garantirgli un’entrata. Sarebbe un bellissimo segnale di aiuto e apertura ai teatri”.

    “Il Festival di Sanremo è un evento troppo improntate per la canzone italiana e bisogna sostenerlo – continua Ciampi parlando ai microfoni di AdnKronos – Se il pubblico non potrà essere presente in sala per l’emergenza Covid o per gli eccessivi costi legati ad un programma di quarantena, bisognerà procedere con la manifestazione, come del resto è stato fatto per i Grammy Awards: sarebbe stato assurdo per la musica mondiale non avere l’appuntamento con i Grammy 2021. Credo molto nella macchina organizzativa Rai e sono sicuro che si farà il possibile per organizzare un Festival tutto italiano, come simbolo della ripartenza della musica e come sostegno ai teatri italiani”.

  • Orietta Berti “Quando Amadeus mi ha chiamata per fare Sanremo, non mi sentivo pronta”

    21
    Gen
    Gen
    2021

    Orietta Berti al Festival di Sanremo 2021 con il brano Quando ti sei innamorato torna per la 12esima volta sul palco del Teatro Ariston. Una partecipazione inaspettata la sua che arriva a quasi 30 anni di distanza dalla precedente.

    La cantante aveva proposto il suo nuovo brano per la gara, ma quando arrivò l’inaspettata chiamata di Amadeus che le annunciava la sua selezioni per questa edizione, la donna non era pronta. Anzi, era indecisa se proseguire quella strada o abbandonare.

    Quando arrivò la telefonata sia lei che il marito erano a casa, dopo essere risultati entrambi positivi al Covid-19 Quando mi ha chiamato Amadeus non ho manifestato grande entusiasmo: Osvaldo stava male, avevo la testa solo su quello. Ma rimedierò”.

    “Avevo una tosse infernale, non riuscivo a parlare – racconta –  Osvaldo era messo peggio: meno male non lo hanno portato in ospedale, lì non sai mai se torni.”.

    Per la cantante tornare sul palco di Sanremo è un sogno. Alle spalle nella sua carriera si contano altre 11 partecipazioni alla gara, tra il 1966 (la prima volta con il brano Io ti darò di più arrivato sesto) e il 1992 (assieme a Giorgio Faletti con Rumba di tango, non classificatosi per la finale).

  • Procida Capitale della Cultura 2022, Edoardo Bennato “Finalmente un’isola che c’è”

    21
    Gen
    Gen
    2021

    Procida è la Capitale italiana della cultura per l’anno 2022. È stata proclamata da una giuria presieduta dal prof. Stefano Baia Curioni dopo l’esame dei 10 progetti presentati dalle città che si sono candidate. La designazione si è svolta alla presenza del Ministro per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, Dario Franceschini.

    “Finalmente un’isola che c’è”. L’artista partenopeo Edoardo Bennato, autore del famoso tormentone del 1980 “L’Isola che non c’è”, pezzo forte dell’album Sono solo canzonette, gira un video affacciato sul mare per festeggiare la proclamazione di Procida a capitale italiana della cultura.

    “Alle mie spalle – dice – le Isole dei Campi Flegrei, c’è anche la bellissima Procida che sarà capitale della cultura 2022. Finalmente un’Isola che c’è”.

    Visualizza questo post su Instagram

    Si erano proposte: Ancona, Bari, Cerveteri, L’Aquila, Pieve di Soligo (Treviso), Taranto, Trapani, Verbania Lago Maggiore e Volterra.

Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più
Musictory utilizza YouTube API Services. Per info clicca qui