Andrea Bocelli è l’unico italiano candidato ai Grammy

21
Nov
2019
Pubblicato da:

Annunciata la lista delle nomination ai Grammy Award 2020, i più importanti riconoscimenti dell’industria musicale. Lizzo è in testa con otto candidature, mentre slno solo due i nomi italiani in classifica.

Tra i tanti nomi questa volta l’Italia è in minoranza. Due le presenze italiane: Andrea Bocelli nella cinquina dei Best Traditional Pop Vocal Album, e nella categoria Dance i Meduza, il trio dei record della musica house.

Però Andrea Bocelli porta a casa un record importante. Il cantante ha conquistato la nomination dopo aver centrato contemporaneamente le vette delle classifica statunitensi e inglesi, segnando così un traguardo mai raggiunto prima da un artista italiano.

Una candidatura importante , la sesta nella sua carriera. “Ho appena ricevuto l’annuncio della nomination – ha commentato Bocelli – E’ una notizia fantastica che ancora una volta testimonia il grande affetto e la stima che l’America mi riserva da più di 20 anni, ma è anche un’occasione fantastica per ringraziare tutti i miei sostenitori e chi ha creduto in me fin dall’inizio. Un avvenimento importante più unico che raro. Voglio anche ringraziare la Recording Academy e tutti coloro che, come la Sugar, hanno lavorato a questo progetto incredibile”.

L’associazione dei Grammy ha ampliato, da cinque a otto, le nominaton nelle maggiori categorie e questo le ha consentito di spingere per la 62esima edizione un parterre di star diversificato e di rispondere alla critiche dure degli ultimi anni, quando è stata accusata di non rappresentare adeguatamente le donne fra i vincitori. La cerimonia di assegnazione è in calendario il 26 gennaio a Los Angeles, alcune settimane prima del consueto per evitare una contrapposizione con gli Oscar, che saranno assegnati il 9 febbraio. 

Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più
Musictory utilizza YouTube API Services. Per info clicca qui