#AccaddeOggi 16 novembre 2010, i Beatles dopo anni di trattative sbarcano su iTunes

#AccaddeOggi 16 novembre 2010, i Beatles dopo anni di trattative sbarcano su iTunes

16
Nov
2020
Pubblicato da:

Sono passati 10 anni. Era il 16 novembre 2010 quando Apple annunciò il tanto sudato l’accordo: tutti i tredici album della band di Liverpool saranno ora disponibili sulla piattaforma. “Siamo entusiasti di portare la nostra musica in iTunes”, dichiarò Paul McCartney.

Per la prima volta nella storia delle canzoni dei Beatles, ci fu una sequenza di accordi firmata non da Lennon e McCartney, ma da Steve Jobs e Yoko Ono.

Accordi commerciali in questo caso: i Beatles arrivarono su iTunes. Un evento storico, che sembrava non dover accadere mai. La vedova Lennon aveva messo in dubbio la possibilità per lungo tempo, ma dopo lunghi negoziati, l’azienda di Steve Jobs e la Emi, distributrice del catalogo, riuscirono finalmente a trovare l’intesa: la disputa tra la Apple di Cupertino e la Apple di Londra (questo il nome dell’etichetta discografica dei Beatles) terminò quel giorno.

“Siamo entusiasti di portare la musica dei Beatles in iTunes”, dichiarò Paul McCartney. “Ed è fantastico sentire così tanto affetto da parte della comunità digitale nei confronti di brani  originariamente incisi su vinile”. “Sono davvero felice, ora non mi  chiederanno più quando i Beatles sbarcheranno su iTunes,” aggiunse Ringo Starr. “Finalmente, chi vuole, può scaricare le  nostre canzoni, tutti i Beatles da Liverpool a oggi! Peace and Love, Ringo”. “Amiamo i Beatles ed è un onore per noi accoglierli con calore nella grande famiglia iTunes”, disse allora Steve Jobs, creatore e ad di Apple. “Abbiamo percorso una lunga e tortuosa strada per arrivare fin qui. Grazie a Beatles e EMI, abbiamo realizzato un sogno che avevamo nel cassetto da quando presentammo iTunes ben dieci anni fa”.

Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più
Musictory utilizza YouTube API Services. Per info clicca qui