Ermal Meta si fa serio “Il pubblico non lo puoi prendere in giro”

15
Apr
2019
Pubblicato da:

Ermal Meta sveste per un attimo i panni di cantante, si siede e si lascia intervistare al Medimex dal giornalista Ernesto Assante, con il quale non parla solo di musica.

Una carriera lunga anni, dal capitolo con La fame di Camilla ai suoi successi come scrittore e cantante solista: Ermal Meta è una delle stelle della scena musicale italiana tanto che la sua influenza in questo ambito è indubbia.

Autore di grandi successi, suoi e non suoi, della musica italiana, Ermal spiega la difficoltà che un artista deve affrontare scrivendo un brano, senza mai lasciare nulla al caso o dare nulla per scontato.

“C’è da scrivere una canzone per quell’interprete e si pensa: “Ma sì, questa andrà bene”; non c’è errore più grande che un autore possa fare: sopravvalutare la canzone”, racconta Ermal Meta che aggiunge “Poi ho scoperto una cosa, che se non sei tu ad emozionarti, se quelle canzoni non le canteresti mai, allora lascia stare. Credo che la gente non la fai mica fessa! Una persona riesci a fregarla, due anche, ma un gruppo di persone insieme entrano in una sorta di simbiosi ancestrale, è lo spirito di gruppo che ti fiuta da lontano; il pubblico non riesci a farlo fesso, mai” conclude.

Quindi la qualità, prima di ogni cosa perché il pubblico ha bisogno di questo rispetto secondo l’artista.

Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più