Cristiano De Andrè contro le figlie “Diffidate per proteggere il patrimonio”

23
Apr
2019
Pubblicato da:

L’artista Cristiano De Andrè, figlio del celebre cantautore Fabrizio, ha dichiarato alla stampa di aver decido di diffidare entrambe le figlie dopo che queste hanno portato davanti alle telecamere del Grande Fratello il loro rapporto privato.

La dichiarazione del cantautore italiano arriva sui social, dove spiega le motivazioni che l’hanno portato a prendere questa estrema decisione “Ho letto in questi giorni molti commenti, da parte di testate anche serie, riguardo al fatto che non sarei stato d’accordo con l’entrata delle mie figlie Francesca e Fabrizia nella casa del Grande Fratello. In realtà non riguardava la scelta da parte loro di partecipare al programma, anche se lo ritengo un inutile spettacolarizzazione di noiosi scambi di isterismi, piagnistei ed edonismi fine a se stessi. La vera ragione è che non sono più disposto ad accettare che venga strumentalizzata, denigrata e diffamata la nostra famiglia (…) La mia diffida ha l’unico scopo di tutelare la nostra famiglia e chiaramente anche loro, in modo che esprimano ciò che sono davvero, gettando via questa maschera dietro la quale si sono nascoste per troppo tempo“.

Nonostante questa decisione, De Andrè chiarisce che verso le figlie Francesca  e Fabrizia sarà sempre aperto al dialogo e disposto a chiarire la situazione, ma per il momento la sua posizione rimane immutata “Sono e sarò sempre disposto ad avere un confronto con loro, ma di certo non pubblicamente. Infatti nonostante anni di orrende accuse, spesso infondate nei miei confronti, non ho mai smesso di mantenerle e provvedere a loro. Ora però ritengo che essendo ormai donne di 29 e 32 anni, sia giunto il momento che si tolgano questa veste di vittimismo e dimostrino di avere stoffa e capacità reali che giustifichino la loro presenza nel mondo dello spettacolo”.

Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più