Biografia Paul McCartney

Sir James Paul McCartney (Liverpool, 18 giugno 1942) è un compositore, musicista e polistrumentista britannico.

Fra le altre attività che ha praticato o che tuttora pratica si possono considerare quella del pittore, produttore discografico, produttore cinematografico, musicista e un attivista per la difesa dei diritti degli animali. Si è guadagnato la fama internazionale come membro del celeberrimo gruppo The Beatles. McCartney e John Lennon si rivelarono una coppia di compositori estremamente vincente e insieme scrissero alcune delle canzoni più amate della storia della musica moderna.

Dopo i Beatles, McCartney avviò una brillante carriera solista, formando il gruppo degli Wings con la sua prima moglie, Linda McCartney, e con il compositore Denny Laine. Ha lavorato a colonne sonore, musica classica e musica ambient, rilasciato una grande quantità di singoli come artista solista e preso parte attivamente ad associazioni di carità.

McCartney è registrato nel Guinness dei primati come il musicista e compositore più riuscito della storia della musica pop, con 60 dischi d'oro e 100 milioni di singoli venduti. La canzone Yesterday, è anch'essa nel Guinness come la canzone più eseguita della storia: più di 7 milioni di volte solo nelle tv e nelle radio degli Stati Uniti. Il singolo degli Wings del 1977, Mull of Kintyre, è stato il primo singolo a superare le due milioni di copie vendute nel Regno Unito, e rimane tutt'oggi il singolo più venduto in Inghilterra tra quelli non di beneficenza (da allora tre singoli di beneficenza superarono Mull of Kintyre, il primo dei quali fu, nel 1984, Do They Know It's Christmas?, eseguito dalla Band Aid al quale partecipava anche McCartney).

La sua compagnia, chiamata MPL Communications, possiede i diritti d'autore di più di tremila canzoni, tra le quali tutte quelle di Buddy Holly, insieme ai diritti cinematografici di musical come Guys and Dolls, Grease e A Chorus Line. McCartney è anche ricordato per essere un sostenitore del vegetarismo, dei diritti degli animali e dell'educazione musicale nelle scuole; è anche un sostenitore delle campagne contro le mine antiuomo, la caccia alla foca e il debito del Terzo Mondo. I diritti delle maggior parte canzoni che McCartney aveva scritto con i Beatles furono comprati da Michael Jackson nel 1985, e di recente sono stati acquisiti dalla Sony Music.

James Paul McCartney nacque al Walton Hospital di Liverpool, dove la madre Mary Mohan lavorava come infermiera. Due anni dopo nacque anche il fratello Michael. McCartney ricevette il battesimo cattolico, ma fu educato piuttosto laicamente: la madre era cattolica ma il padre, Jim, era protestante.

Grazie alla bravura nella scuola, McCartney ottenne l'ammissione al prestigioso Liverpool Institute, dove nel 1954 conobbe George Harrison. Il 31 ottobre 1956 perse la madre per un'embolia.

Il padre di McCartney era un trombettista e un pianista in una big band locale, e aveva sempre incoraggiato i due figli a diventare musicisti. Dopo la morte della madre, Jim regalò a McCartney una tromba, che il figlio però barattò con una chitarra folk quando lo skiffle divenne il genere musicale più apprezzato. McCartney, che era mancino, dovette imparare da solo come suonare una chitarra per destri; comunque, scrisse la sua prima canzone, I Lost My Little Girl, proprio su quella chitarra. Presto imparò anche a suonare il pianoforte del padre e prese lezioni di musica molto blandamente, sostenendo che preferiva suonare ad orecchio.

Nel 1957 il quindicenne McCartney conobbe John Lennon e si unì ai Quarrymen, il gruppo che Lennon e un paio di amici di scuola avevano formato. La zia di Lennon, Mimi Stanley, disapprovò McCartney per via delle sue origini irlandesi, mentre il padre di Paul riteneva che Lennon lo avrebbe portato su una brutta strada. Le ostilità si placarono presto e i due divennero amici. Fu McCartney a convincere Lennon di ammettere anche George Harrison al gruppo, e fu lui ad insistere per l'espulsione di Stuart Sutcliffe, l'allora bassista dei Quarrymen, a causa della sua presunta incompetenza musicale. I Quarrymen cambiarono nome in Beatles mentre si trovavano in tournée ad Amburgo, in Germania. Sia McCartney che Lennon sostengono di essere gli inventori del nome.

Paul McCartney ricoprì un ruolo fondamentale nell'ascesa e nella fortuna dei Beatles. Grazie alla sua vena melodica, è stato l'autore di molte tra le canzoni più note e fortunate di tutto il repertorio dei Beatles. Oltre alla già citata Yesterday, sono sue le famosissime Love Me Do (1962), Michelle (1965), Eleanor Rigby (1966), Yellow Submarine (1966), Penny Lane (1967), Lady Madonna (1968), Hey Jude (1968), Let it be(1970).

Come conseguenza dell'inevitabile evoluzione delle singole personalità di ciascun componente del gruppo, alla fine degli anni sessanta il fragile equilibrio all'interno della formazione si compromise; ne seguirono alcune iniziative individuali da parte dei membri della band. Già nel 1966 McCartney aveva scritto la colonna sonora del film The Family Way, suo primo lavoro al di fuori delle attività dei Beatles.

Nel marzo del 1969 l'artista sposò la fotografa americana Linda Eastman (1942 - 1998), già divorziata e con una figlia. Infine, nell'aprile del 1970 dichiarò ufficialmente alla stampa la sua separazione dai Favolosi Quattro, decisione che provocò strascichi legali destinati a durare a lungo.

L'annuncio della separazione dai Beatles coincise con l'esordio come solista di McCartney, poche settimane prima dell'uscita di Let it be, ultimo album ufficiale dei Beatles. L'album d'esordio, intitolato semplicemente McCartney, è una sorta di LP "fatto in casa" ( l'unico all'epoca assieme soltanto all'omonimo esordio di Emitt Rhodes), che offre diversi brani scritti all'epoca dei Beatles ma mai messi sugli album del gruppo, tra questi spiccano Maybe I'm Amazed e Junk. Il disco, suonato interamente dal solo McCartney coadiuvato per i cori dalla moglie Linda, fu accolto molto bene dal pubblico e tiepidamente dalla critica, che apprezzò invece di più i singoli pubblicati l'anno successivo, "Another Day" ed "Uncle Albert" e l'album Ram, accreditato alla coppia Paul & Linda McCartney.

Desideroso di tornare a far parte di un gruppo, nell'estate del 1971 McCartney allestì una prima touring band con la moglie Linda, il batterista Denny Seiwell (già sessionman in Ram) e il chitarrista Denny Laine (vero nome Brian Hines), già membro dei Moody Blues. Il gruppo si ribattezzò Wings in occasione della pubblicazione di Wild Life (1971), generalmente considerato uno dei punti più bassi dell'intera produzione di McCartney.

Agli inizi del 1972, entrò in formazione il chitarrista Henry McCullough, già membro della Grease Band di Joe Cocker, il quale partecipò alle registrazioni del singolo Give Ireland Back to the Irish, evidente tentativo di recuperare i favori della critica con un maggior impegno, questa volta politico. Il brano trae spunto dall'eccidio di civili irlandesi del 30 gennaio 1972: quella domenica, passata alla storia come Bloody Sunday, sarà poi ricordata da numerosi altri artisti, tra cui John Lennon e più tardi gli U2. Verrà anche bandito dalla BBC, facendo così pubblicità gratuita a Macca.

Il difficile esordio dei Wings subì una svolta decisiva del corso del 1973, prima con la pubblicazione del fortunato album Red Rose Speedway che conteneva la ballata My Love, poi con il prepotente ingresso in classifica del tema del film di James Bond Live and Let Die - Vivi e lascia morire. La canzone fu un successo mondiale e riportò McCartney ai vecchi fasti.

Nel corso dell'anno, inoltre, i Wings apparvero in shows televisivi e si esibirono in una tournée nel Regno Unito. Durante l'estate Seiwell e McCullough lasciarono il gruppo. I due musicisti annunciarono la notizia a McCartney appena la sera prima di partire per la Nigeria, dove McCartney aveva intenzione di registrare un nuovo album. I Wings, ridotti ai soli Paul, Linda e Denny Laine decisero comunque di recarsi a Lagos, e cominciarono le registrazioni di Band on the Run. Le sessions furono piuttosto travagliate, non solo per la rapina a mano armata subìta dai McCartney, ma anche per le dichiarazioni del musicista nigeriano Fela Ransom Kuti, che accusò i McCartney di essere venuti in Nigeria per "rubare la loro musica". Comunque, nonostante queste difficoltà, l'album, uscito nel dicembre del 1973, segnò la definitiva consacrazione di Paul McCartney a top star del rock, rimase in classifica per oltre due anni e lo riconciliò con la critica.

Nel 1974 nacque una "nuova edizione" dei Wings, con l'ingresso di Jimmy McCulloch e di Geoff Britton, poi sostituito da Joe English durante le registrazioni dell'album Venus and Mars (1975). Subito dopo, per consolidare il successo, il gruppo intraprese un colossale tour mondiale di spettacoli dal vivo, uno dei più lunghi della storia del rock, durato oltre un anno ed interrotto solo per le registrazioni di un altro top seller, Wings at the Speed of Sound (1976). Dopo la sezione americana, "Wings Over America", la tournée si concluse verso la fine del 1976 con tre serate londinesi allo stadio di Wembley. I momenti migliori degli show furono poi raccolti sul triplo album dal vivo Wings Over America (1976).

Per parte del 1977 i Wings vissero un periodo di relativa inattività discografica, dovuta in parte alle uscite dalla formazione di Jimmy McCulloch e di Joe English. Nonostante questo, comunque, il trio di Paul, Linda e Denny Laine riuscì a portare a segno un altro grosso successo con l'uscita del singolo Mull of Kintyre (1977), canzone ispirata alla tradizione folk scozzese che in brevissimo tempo divenne, con oltre due milioni di copie vendute, il singolo di maggior successo del Regno Unito, arrivando a superare il record precedentemente detenuto da She Loves You dei Beatles.

Nella primavera del 1978 seguì poi l'album London Town, registrato in parte l'anno precedente. Il disco, lanciato dall'orecchiabile hit With a Little Luck, include comunque partecipazioni da parte di entrambi gli ormai ex-colleghi McCulloch ed English.

Agli inizi del 1979 McCartney firmò un contratto per il mercato americano con la casa discografica Columbia, giudicato tra i più lucrosi della storia del rock. Poi, dopo nuovi innesti nell'organico dei Wings (Steve Holly e Laurence Juber) il gruppo lavorò alle registrazioni di Back to the Egg (1979), che sarebbe stato l'ultimo album sotto la sigla dei Wings. In due brani del disco, in particolare, McCartney schierò una grande formazione di all-star denominata Rockestra, con molti nomi della scena inglese, a cui presero parte David Gilmour, Pete Townshend, John Bonham, Ronnie Lane e Gary Brooker. Una seconda versione di quel gruppo si esibì nel dicembre del 1979 ad un concerto di beneficenza svoltosi a Londra per i profughi cambogiani.

Nel gennaio del 1980, mentre si apprestava ad iniziare una nuova tournée con i Wings, Paul McCartney fu arrestato all'aeroporto di Tokyo per possesso di marijuana. Benché avesse già subito anni prima un altro arresto per lo stesso motivo, il fatto suscitò scalpore in tutto il mondo. Quattro mesi dopo, decise di ripresentarsi al pubblico in versione "solo" con l'album McCartney II (1980), che concluse il ciclo ideale iniziato dieci anni prima con McCartney. Infine, nell'aprile 1981 Denny Laine abbandonò McCartney e i Wings, ufficializzando una fine già da molti intuita.

Tra prove discografiche alterne ed astute collaborazioni (in particolare quelle con Stevie Wonder e Michael Jackson), Paul McCartney ha continuato al vertice come solista per tutti gli anni ottanta, indifferente alle critiche che gli son piovute addosso. Anche nel nuovo decennio, infatti, a molti anni ormai dai fasti dei Beatles, il baronetto ha avuto modo di estendere la propria fama (incrementando il già cospicuo patrimonio) con una serie di brani che magari hanno aggiunto poco alla sua gloria ma che il pubblico ha mostrato di gradire.

Mentre i primi tempi del dopo-Beatles si erano svolti sotto l'egida dei Wings, gli anni ottanta hanno visto Paul McCartney agire come solista, a cominciare da McCartney II (1980), che ha ripreso il discorso del celebre "solo" del 1970. Coming Up e Waterfalls sono stati i brani di maggior successo, secondo il registro pop/rock sentimentale tipico dell'artista.

I due album seguenti, Tug of War (1982) e Pipes of Peace (1983), che vedono la collaborazione di Stanley Clarke, son costati a McCartney qualche rimprovero critico ampiamente ricompensato, tuttavia, dal formidabile successo mondiale di un tris di 45 giri tra il 1982 ed il 1983: Ebony and Ivory (registrata in duetto con Stevie Wonder), The Girl Is Mine'" e Say Say Say (registrate in duetto con Michael Jackson).

Rilanciato al top delle classifiche mondiali, McCartney ha poi avuto uno sbandamento che lo ha portato ad una non riuscita prova cinematografica. Give My Regards to Broadstreet (1984) è il titolo del film che lo ha visto debuttare come regista, con implacabile pollice verso di pubblico e di critica. La colonna sonora è un'antologia di classici rivisitati trainati dal successo della ballata No More Lonely Nights.

Nel luglio 1985 McCartney è stato una delle molte stelle presenti al famoso Live Aid: il suo contributo è stato la classica Let It Be eseguita con un cast di all-star del calibro di Bob Geldof, David Bowie, Pete Townshend e Alison Moyet. Sempre sul fronte dei benefits, è da segnalare un'apparizione al concerto per la fondazione benefica Prince's Trust nel 1986, anche documentata su album.

Ancora nel 1985 è anche autore della canzone Spies like Us per il film Spie come Noi con Dan Aykroyd e Chevy Chase, che viene utilizzata come sottofondo dei titoli di coda del film.

Nella seconda metà del decennio la stella dell'ex-Beatle è sembrata offuscarsi. Press to Play (1986) è considerato un album mediocre, nonostante pregevoli collaborazioni da parte di Pete Townshend, Phil Collins e Carlos Alomar e la presenza di una apprezzabile ballata romantica intitolata Only Love Remains. in seguito per un certo periodo di McCartney si sono perse le tracce. Nel frattempo, l'artista aveva iniziato una serie di nostalgiche sessions che lo hanno visto impegnato con Mick Green, Nick Garvey, Henry Spinetti, Chris Whitten e Mickey Gallagher: il materiale, costituito da vecchi standards del jazz e del rock, viene inizialmente pubblicato in parte su due EP. Alla fine del 1987 è poi avvenuta una clamorosa rentrée con l'antologia All the Best! che include il brano Once Upon a Long Ago.

I vecchi standards Jazz/rock registrati ad inizio '87 vengono poi recuperati per intero e pubblicati su Choba B CCCP (1988), primo album di musica rock occiddentale dedicato esclusivamente al mercato sovietico. Al clamore suscitato dalla improvvisa "svolta ad est", si è accompagnata poi la curiosità per il sodalizio artistico con Elvis Costello, primo partner dell'ex-Beatle dopo John Lennon. I due hanno scritto insieme sette canzoni, distribuite fra il singolo Once Upon a Long Ago (Paul McCartney, 1987), l'album Spike (Elvis Costello, 1989) e Flowers in the Dirt (1989).

Nel maggio 1989, qualche settimana prima dell'uscita del disco, McCartney ha partecipato con Gerry Marsden, Holly Johnson ed altri musicisti di Liverpool ad un 45 giri benefico per le vittime della tragedia calcistica di Hillsborough. La canzone scelta per il lato A è il vecchio inno beat Ferry 'Cross The Mersey, di Gerry and the Pacemakers, che è tornato al primo posto della classifica inglese ventiquattro anni dopo la versione originale.

Nell'autunno del 1989 McCartney si è imbarcato in un lungo tour, il primo dal 1976, con una formazione comprendente la moglie Linda, Robbie McIntosh, Hamish Stuart, Paul "Wix" Wickens e Chris Whitten.

Ripresa l'attività live dopo più di dieci anni, McCartney ha iniziato il nuovo decennio portando avanti la tournée di supporto a Flowers in the Dirt (1989). La trionfale conclusione è stata preceduta da due significative esibizioni: una a Liverpool, dove l'artista ha eseguito un medley dedicato a John Lennon (composto da Help!, Strawberry Fields Forever e Give Peace a Chance), l'altra a Londra, come è testimoniato da AA.VV./Knebworth: The Album (1990), manifestazione di cui è stato promotore, quindi ha ufficializzato il tutto pubblicando il mastodontico ed affascinante Tripping the Live Fantastic (1990), doppio album dal vivo composto in gran parte dal repertorio dei Beatles.

Unplugged (The Official Bootleg) (1991) ha invece involontariamente ha dato il via ad una serie di pubblicazioni simili che hanno coinvolto artisti fra i più diversi. In versione rigorosamente acustica, l'artista ha riproposto vecchi classici (Be Bop a Lula, San Francisco Bay Blues) e brani originali, compresa la sua prima composizione in assoluto, I Lost My Little Girl, scritta all'età di quattordici anni.

Lasciati i panni di forbito performer, McCartney si è poi avventurato in una operazione autocelebrativa: Liverpool Oratorio (1991) è infatti un'intera opera a carattere classico, scritta dall'ex-Beatle e dal direttore d'orchestra americano Carl Davis, sorta di autobiografia in musica, che non a caso copre un arco di tempo che va dal 1942 al 1990. La Prima di Liverpool Oratorio ha visto impegnata la Royal Liverpool Philarmonic Orchestra nella Cattedrale di Liverpool (dal cui coro McCartney fu respinto all'età di undici anni) ed ha riscosso un notevole successo di pubblico e stima dalla critica.

Ritornato in ambiente pop, McCartney ha poi pubblicato Off the Ground (1993), dove è stato accompagnato dalla sua solita band. Nell'album, comunque, vi sono alcune collaborazioni prestigiose: Elvis Costello, con cui l'artista ha proseguito il sodalizio artistico (Mistress and Maid e The Lovers That Never Were sono i due frutti della ritrovata intesa), Carl Davis e George Martin. A supporto del lavoro McCartney è poi ripartito con il suo gruppo per un nuovo tour mondiale che ancora una volta ha riscosso grande successo ed ha fruttato Paul Is Live (1993), in perfetto equilibrio fra il repertorio dei Favolosi e quello solista.

Successivamente, dopo aver consolidato ulteriormente lo sconfinato successo con la pausa per la realizzazione del progetto Anthology dei Beatles tra il 1995 ed il 1996, McCartney ha vissuto un momento difficile a livello personale, causato dalla malattia della moglie Linda, affetta da un tumore.

All'inizio del 1997 McCartney è stato insignito del titolo di Cavaliere (Sir) da Sua Maestà la regina Elisabetta II, quindi ha pubblicato il nuovo album Flaming Pie, procrastinato nel tempo per l'intercorsa reunion dei Beatles. L'album ha seguito il canovaccio di McCartney (1970) e McCartney II (1980) in quanto è stato inciso pressoché in solitudine anche se non sono mancate partecipazioni di amici come Ringo Starr, George Martin, Steve Miller, Jeff Lynne e naturalmente della moglie Linda. Il lavoro è una sorta di "piccola enciclopedia" dell'intera produzione di McCartney che riesce a passare indifferentemente da ballate rock (Young Boy, Used To Be Bad) a brani con orchestra (Beautiful Night) fino ad escursioni folk (Calico Skies).

Subito dopo, il 14 ottobre 1997, l'ex-Beatle ha bissato l'esperimento di Liverpool Oratorio presentando alla Royal Albert Hall di Londra con grande successo l'opera Standing Stone, piéce classica commissionatagli dalla EMI per celebrare i 100 anni dell'etichetta.

McCartney ha poi realizzato Rushes I e II (1997-98), due progetti sperimentali sotto lo pseudonimo The Fireman che avrebbe dovuto tenerne nascosta l'identità ma il segreto è stato presto smascherato. Questi lavori hanno rivelato il suo lato più sperimentale, alle prese con musica strumentale in chiave elettronica.

Alla fine del 1997 esce il libro Many years from now, nel quale McCartney confida al giornalista Barry Miles, in cinque anni di interviste, tutti i ricordi della sua vita (come enfatizza il sottotitolo dell'edizione italiana).

Il 17 aprile 1998, in seguito ad un aggravarsi delle sue condizioni, Linda McCartney è morta mentre si trovava nella residenza americana della famiglia. In seguito al grave lutto, McCartney ha abbandonato momentaneamente ogni attività musicale. Nel 1999 l'artista ha esordito sorprendentemente in campo pittorico, inaugurando nel corso dell'anno un'esibizione di suoi quadri a Monaco di Baviera e poi in altri paesi.

Nell'autunno del 1999, McCartney è poi tornato alla musica con l'album Run Devil Run, una raccolta di sue interpretazioni di alcuni classici del rock 'n' roll anni cinquanta a cui il musicista ha aggiunto tre nuove canzoni sullo stesso stile da lui stesso composte per l'occasione. Di grande rilievo i musicisti che lo hanno accompagnato in questa avventura: tra gli altri, ancora una volta David Gilmour e Ian Paice. Con la stessa band di Run Devil Run, McCartney è tornato per una sera a suonare nel glorioso Cavern Club di Liverpool (si tratta del primo concerto trasmesso via internet), che lo aveva visto protagonista già ai tempi dei Beatles: dall'esibizione è stato ricavato un Dvd, Live at the Cavern Club.

Il decennio si è concluso con un'altra escursione nella musica classica, Working Classical (1999), divisa tra brevi composizioni eseguite da un quartetto d'archi e brani di più ampio respiro registrati con la London Symphony Orchestra.

Nel 2001, McCartney è stato tra i promotori del concerto-evento "The Concert for New York City", in memoria delle vittime dell'attacco terroristico dell'11 settembre. Per l'occasione, ha composto una nuova canzone, Freedom, pubblicata qualche mese dopo sul nuovo album pop di inediti (il primo dopo Flaming Pie) intitolato Driving Rain. Registrato in America e condotto su buoni livelli compositivi, l'album sembra richiamare, per alcuni aspetti, l'album Ram e il primo periodo con i Wings.

Nell'aprile del 2002, McCartney ha intrapreso, a quasi dieci anni di distanza dall'ultima tournée, un tour mondiale di grande successo: partito in America (Driving USA e Back in the US), il tour ha quindi toccato il Messico, il Giappone, l'Europa (2003, Back in the World, 2004, 04 Summer tour), per poi concludersi nuovamente negli Stati Uniti nell'inverno del 2005 (US Tour). McCartney ha riproposto buona parte del repertorio dei Beatles e degli Wings, nonché della sua carriera da solista. La lunga tournée ha portato alla pubblicazione di un album live (pubblicato come Back in the US negli Stati Uniti, e come Back in the World nel resto del mondo) e di un DVD live (Back in the US). La nuova band che lo accompagna negli spettacoli dal vivo è composta da Abe Laboriel Jr. (batteria, già con Sting), Paul "Wix" Wickens (tastiere, già con McCartney nei tour del 1989 e 1993), Rusty Anderson (chitarra solista) e Brian Ray (chitarra ritmica/basso).

Sempre nel 2002, Paul McCartney si è sposato con l'ex modella Heather Mills, dalla quale ha avuto una figlia (Beatrice), e da cui ha annunciato la sua separazione nel maggio del 2006. Al termine di una feroce battaglia legale tra McCartney e Mills per la divisione dell'enorme patrimonio del cantante, stimato in oltre 850 milioni di sterline, e per l'affidamento della figlia, il 17 febbraio 2008 il suo legale ha annunciato che McCartney ha deciso di accordare alla ex moglie il pagamento di 65 milioni di sterline.

Nel 2003, nel corso del Tour "Back in the World", McCartney si esibisce il 10 e l'11 maggio a Roma sotto il Colosseo per il Telecomcerto. Il primo dei concerti è realizzato all'interno della storica arena romana, con la partecipazione di soli 300 fortunati spettatori. Il secondo dei concerti, gratuito, è realizzato di fronte al Colosseo e vede la partecipazione di circa 600.000 persone.

Sempre nel maggio del 2003, McCartney sbarca in Russia, a Mosca, ponendo fine ad un embargo musicale instaurato nei confronti dei Beatles negli anni '60 dal regime comunista, timoroso dei possibili effetti dello sbarco in terra russa dei fab four. Un anno dopo, nel maggio del 2004, McCartney torna in Russia, in occasione di un concerto a San Pietroburgo.

Nel settembre del 2005, McCartney ha pubblicato un nuovo album di inediti (acclamato dalla stampa come il miglior album dell'autore dai tempi dei Beatles), Chaos and Creation in the Backyard, le cui sonorità richiamo fortemente lo stile dei Beatles. Come già avvenuto in Flaming Pie, anche in Chaos and Creation McCartney suona praticamente tutti gli strumenti presenti nella registrazione. Il produttore dell'album è Nigel Godrich (già con i Radiohead).

Nell'ottobre del 2006, l'artista ha pubblicato un nuovo lavoro classico, intitolato Ecce Cor Meum, la cui composizione ha richiesto quasi dieci anni. McCartney ha dedicato quest'ultima fatica alla memoria della compianta moglie Linda.

Il 22 marzo 2007, McCartney ha annunciato il passaggio alla neonata casa discografica Hear Music - Starbucks Entertainment, abbandonando così la casa discografica EMI dopo circa trent'anni di sodalizio e collaborazione. Il 4 giugno esce il suo nuovo album, dal titolo Memory Almost Full che viene anticipato dal singolo Dance Tonight, nel cui videoclip, diretto da Michel Gondry, appare l'attrice Natalie Portman, e che viene inoltre utilizzato dalla Apple nello spot della nuova Famiglia iPod, che vede lo stesso McCartney protagonista.

Il 6 novembre 2008 Paul McCartney ha partecipato alla consegna dei premi musicali Mtv Europe, ed è stato premiato nella sua città natale, Liverpool, tra le acclamazioni dei migliaia di fans presenti. L'ex Beatle, che oggi ha 66 anni, è stato nominato e premiato come Ultimate Legend ("ultima leggenda") alla quindicesima edizione del premio Mtv, uno degli eventi più importanti per la musica pop. "Questo è l'uomo che ha inventato il mio lavoro", ha detto Bono, leader degli U2, presentando McCartney e dando risalto al suo fondamentale apporto alla musica contemporanea.

Nel novembre del 2008, tornando a rivestire dopo circa dieci anni i panni di The Fireman, McCartney pubblica l'album Electric Arguments. Il lavoro riprende alcune delle atmosfere già sperimentate nei precedenti lavori di The Fireman, elaborate però con una vena maggiormente melodica e con l'aggiunta di parole alla musica: quest'ultima costituisce una vera e propria novità per la musica di The Fireman. L'album è stato composto e realizzato in tredici giorni (uno per canzone) ed è stato registrato nello studio di registrazione personale di McCartney, presso la tenuta di famiglia nel Sussex.

Il 27 Giugno 2009 Paul McCartney è stato ospite al concerto di Neil Young all'Hyde Park di Londra duettando con Neil sulla canzone "A day in the life".
Fonte: wikipedia.org
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più